Il Congresso vuole maggiore sicurezza per la privacy dei documenti sulle reti P2P

Il Congresso vuole maggiore sicurezza per la privacy dei documenti sulle reti P2PQuando si parla di peer-to-peer viene subito in mente la possibilità di condividere e scaricare, spesso illegalmente, file di vario tipo (musica, immagini, film) attraverso le varie reti. Ma i programmi di file sharing diventano un pericolo per gli stessi utenti quando condividono erroneamente informazioni personali.

Ne hanno discusso Adolphus Towns e Darrell E. Issa al Congresso degli Stati Uniti, chiedendo a programmi come LimeWire e simili di fare qualcosa per impedire la condivisione di file personali. Molti utenti, infatti, per errore, finiscono per condividere molte cartelle del proprio computer, finendo con il rendere pubblici dati personali su Internet.

Gli esperti chiamano questa "condivisione involontaria di file" che espone gli utenti a furti di identità. I due politici hanno chiesto ai produttori di programmi di file sharing di fare qualcosa per arginare il problema, chiedendo inoltre di regolamentare le tecnologie peer-to-peer.

Già nel 2006 l'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti condusse un sondaggio il cui risultato mostrò come cinque programmi (BearShare, eDonkey, Kazaa, LimeWire e Morpheus) erano potenzialmente dannosi per la privacy degli utenti, perchè non solo violavano inavvertitamente la sicurezza dei file, ma finivano con il condividere anche dati sensibili come dichiarazioni fiscali, contabilità finanziarie e documenti privati.

Il nostro suggerimento è di fare sempre molta attenzione alle cartelle che si decide di condividere su Internet tramite i software peer-to-peer.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: