Black Market Reloaded, rivale di Silk Road, sospende le operazioni

Black Market Reloaded, rivale di Silk Road, è costretto a chiudere i battenti a causa di un leak. Tornerà forse solo il prossimo anno.

È apparentemente un mese di chiusure e retate: Silk Road è morto all’arresto del suo fondatore, IsoHunt ha chiuso per un accordo extra-giudiziario, in Italia il solito tribunale di Bergamo ha bloccato di nuovo l’accesso a The Pirate Bay… E la lista sembra andare avanti ed avanti.

La cybercriminalità ha appena subito un nuovo colpo: Black Market Reloaded, rivale di Silk Road, è stato forzato ad abbandonare le operazioni. Il sito, che forniva suppergiù gli stessi servizi del più famoso Silk Road, ha cercato disperatamente di fronteggiare l’ondata di clienti rimasti orfani del concorrente. Per potercela fare, ha aperto una serie di server virtuali (VPS), ma uno degli amministratori di questo servizio di terze parti ha reso pubblico il codice di Black Market Reloaded.

L’amministratore del sito (un misterioso signore conosciuto come “backopy”) ha quindi comunicato ai suoi clienti, una serie di persone non molto a posto desiderose di comprare droga o altri servizi illegali, che il negozio online è destinato a chiudere a tempo indeterminato.

“Questo significa che non posso più lavorare. [Lancerò di nuovo] come minimo nel 2014. Ho detto che ci vorrà circa un mese, qualcosa di più o di meno, per chiudere in modo pulito il sito corrente, dopo aver sistemato eventuali dispute e tutto quello che rimane”.

Il “buon” backopy è un mercante con dei valori seri. Ha infatti deciso di restituire i soldi spesi nelle transazioni brutalmente interrotte dal leak.

Che cos’era Black Market Reloaded


Silk Road era guidato da un personaggio piuttosto inquietante, disposto all’omicidio per questioni di danaro. Non era proprio un granchè come criminale, tuttavia - Ed in effetti si è fatto beccare in modo piuttosto stupido.

Il suo concorrente backopy è forse anche peggio. Non sappiamo se è responsabile di altri reati, ma Black Market Reloaded era se possibile ancora più hardcore di Silk Road. Oltre alla droga si vendevano anche armi, per esempio.

Entrambi i siti di e-commerce erano esponenti di un’effimera ma persistente idea: quella che sia possibile vendere e acquistare beni illegali sul network Tor senza finire in gattabuia.

Via | The Verge

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: