Internet Explorer 11 arriva su Windows 7, ma non è completo

Microsoft Internet Explorer arriva come release preview su Windows 7, portando con sé come un Babbo Natale anzitempo tutta una serie di feature e miglioramenti che originariamente sono stati progettati per il futuro Windows 8.1.

Redmond conta di distribuire la versione completa entro il 2013, ma a giudicare dalla preview il lavoro non dovrebbe essere lontano dal punto di arrivo.

Non è solo eye candy



Chiaramente Microsoft punta molto sulla nuova grafica e su quanto possa stupire gli utenti abituati ad un’esperienza di browsing... Beh, noiosa, diciamolo apertamente. Sono pochi quelli che valutano un browser per la coreografia spettacolare.

Di fatto, però, questa volta a Redmond hanno fatto le cose per bene anche nelle profondità del codice, soprattutto lavorando su JavaScript e sulla performance generale, che dovrebbe essere migliorata del 30% - tutto su Windows 7, sia chiaro, non sul sistema operativo più recente della casa, che ha cambiato e modificato l'esperienza d'uso grazie all'interfaccia Metro/Modern.

Il browser che "amavi odiare"


Per provare a tutti il proprio “commitment”, Microsoft ha anche varato una campagna pubblicitaria molto sbarazzina, in cui una ragazza ferma alcuni utenti (più o meno tutti suoi coetanei) per chiedere loro esattamente quanto odiano Internet Explorer.

Il risultato iniziale è ovviamente una bocciatura completa per la linea di browser made in Redmond, ma dopo aver guardato alcune delle feature di IE 11 c’è un generale ripensamento. Gran parte del fascino di questo browser deriva dalla sua performance su un display touch, va detto, cosa che non è proprio il campo di gioco tipico di Windows 7. Un altra feature mancante rispetto alla versione per Windows 8.1 è la capacità di sincronizzare i tab con gli altri device, un punto di forza per qualsiasi browser e di cui si può sentire la mancanza.

Di sicuro IE 11 gestisce meglio i tab e rallenta meno, ed è anche più sicuro - E conta parecchio di questi tempi.

Via | Cartella Stampa

  • shares
  • Mail