Erwin Schrödinger, Google Doodle dedicato al celebre fisico

Google oggi dedica un Doodle a Erwin Schrödinger, fisico austriaco conosciuto per le incredibili scoperte e... Per il celebre gatto!

Erwin Rudolf Josef Alexander Schrödinger, nato in un'epoca in cui in Austria andava ancora di moda schiacciare i bambini sotto ad una valanga di nomi, ha cambiato la storia della fisica: i suoi risultati nel campo della fisica quantistica sono una pietra angolare per la conoscenza umana su tale materia. Chiaramente chi è un "laico" della fisica lo ricorda almeno per il suo famoso paradosso del gatto...

"Sarà vivo o sarà morto?" si potrebbe chiedere un curioso avvicinandosi ad una scatola che contiene un gatto - Come faccia a saperlo che lì dentro c'è un gatto, a meno di non avercelo chiuso lui, è un grosso mistero. Quale sia la sua effettiva colpevolezza, però, come dice Terry Pratchett è molto probabile che il gatto una volta uscito sarà davvero arrabbiato!

Chiaramente qui stiamo giocando: l'esempio di Schrödinger è utilissimo a capire alcuni concetti quantistici, ma spesso viene frainteso. Un gatto e è vivo o è morto, e l'esempio è stato fatto per spiegare alcuni problemi relativi all'interpretazione della fisica quantistica, non alla sua realtà. Vi sarà tutto più chiaro andando a studiare da vicino il problema per come è stato posto da Schrödinger stesso.

Una vita e la sua eredità

Le persone "normali" hanno ereditato il paradosso del gatto, i fisici la sua equazione, ed anche un cratere sulla Luna, il più grande del lato nascosto, è stato battezzato con il suo nome. Ma come è vissuto il celebre fisico? Come tanti della sua generazione nati in quella parte del mondo, si è ritrovato a dover fare i conti con il regime nazista, di cui fu oppositore. Non incrollabile, però, perchè per cercare di salvare la propria cattedrà vergò un documento in cui rinnegava le sue precedenti posizioni. Non solo gli fu inutile (i nazisti lo vedevano come "inaffidabile"), ma anche fonte di vergogna, di cui si pentì amaramente per tutta la vita.

Nonostante le istruzioni di non lasciare il paese, Schrödinger fuggì attraverso l'Europa fino ad approdare in Irlanda, dove visse fino alla pensione. Morì a Vienna nel 1961, cedendo di fronte alla tubercolosi che lo tormentava da molti anni.

  • shares
  • Mail