Google Mine, scoperto nuovo servizio per la condivisione, il prestito e lo scambio di prodotti

Google Mine è un nuovo servizio che consentirà di scambiare, condividere e chiedere prestiti: ecco come dovrebbe funzionare

Google Mine

Non sappiamo ancora di cosa si tratta esattamente, ma Google Mine per il momento sembra un servizio davvero curioso: Mountain View non ha ancora ufficializzato nulla, ma nel web si rincorrono i pettegolezzi secondo i quali Big G sarebbe al lavoro su un'applicazione che consentirebbe di condividere e persino scambiare i propri prodotti, non senza permettere di chiderli in prestito.

Tutto, ovviamente, andrà a vantaggio di Google Plus, unico social network - e unico modo in generale - attraverso il quale sarà possibile usufruire dell'applicazione: è evidente, insomma, che Mountain View voglia fare il possibile per migliorare la performance della sua rete sociale, che, almeno in Italia, è riuscita a imporsi più di Twitter (ma è solo fumo negli occhi, a nostro avviso).

Mine è attualmente in fase di test presso gli sviluppatori della compagnia: ce ne dà prova la presenza di un'applicazione Android disponibile soltanto su Bazar, Google Play Store dei dipendenti dell'azienda. Questo ci permette di concludere pure che si tratterà di un servizio non solo desktop ma anche mobile.

Inutile dirvi che l'app servirà moltissimo anche per indicizzare meglio la pubblicità, che, come ben sapete, è distribuita in base alle ricerche dell'utenza: se si parla con i propri amici di computer, per fare un esempio, tra i banner Adsense uscirà senz'altro qualche offerta legata ad essi.

Ma torniamo a Mine: secondo voi, cosa potrebbe nascondersi con precisione dietro a questo servizio?

Via | Engadget

  • shares
  • Mail