I quattro dirigenti Google rischiano il carcere per il caso del bambino down

I quattro dirigenti Google rischiano il carcere per il caso del bambino downDopo le ultime notizie sul caso del video italiano contenente degli atti di bullismo nei confronti di un bambino affetto da sindrome di Down si era capito che la cosa non si sarebbe fermata, comportando delle conseguenze anche per i dirigenti Google che ora rischiano addirittura di finire in carcere.

Il processo che ha inizio proprio in questi giorni vede sul banco degli imputati 4 impiegati del colosso informatico, vale a dire David Drummond, vice presidente e capo dell'ufficio legale, George Reyes, ex capo dell'ufficio finanziario, Peter Fleischer, consulente per la privacy e un quarto di cui non si conoscono le generalità.

Nell'occasione del ritorno alla ribalta del caso che ha fatto e farà sicuramente ancora discutere su quali possano essere le responsabilità degli accusati in merito, Google ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"Come abbiamo ripetutamente chiarito, i nostri cuori sono con la vittima e la sua famiglia. Ci fa piacere che come risultato della nostra collaborazione i bulli del video sono stati identificati e puniti. Pensiamo che portare questo caso in tribunale sia completamente sbagliato. E' come perseguire gli impiegati dell'ufficio postale per lettere di minaccia inviate via posta. Inoltre, ritenere responsabili piattaforme neutrali per i contenuti postati su esse è un attacco a una Internet libera e aperta. Continueremo a difendere energicamente i nostri impiegati in questo processo."

Via | Mashable.com

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: