Il Ministro Gelmini apre un canale su YouTube

Da oggi il Ministro italiano per la Pubblica Istruzione, l'Università e la Ricerca scientifica, on. Mariastella Gelmini, ha aperto un proprio canale su YouTube. Nel video di presentazione della nuova iniziativa, della durata di 27 secondi e qui pubblicato, il Ministro avanza la sua intenzione di confrontarsi con gli utenti sulla Scuola e sull'Università accettando idee, progetti, proposte, anche critiche.

La scelta del Ministro di utilizzare YouTube è un buon segno. Forse anche in Italia si è finalmente capito quanto internet possa fare bene alla politica, soprattutto per confrontarsi con chi viene direttamente coinvolto dalle scelte del legislatore.

Bisognerà ora vedere come e con che frequenza il canale verrà utilizzato. Certo è che abbiamo fatto un grande passo avanti rispetto alle dichiarazioni di due anni fa dell'allora Ministro Fioroni che, per fronteggiare i bulli che usavano YouTube per diffondere video illeciti, voleva censurare internet.

A quattordici ore dalla pubblicazione del video il passaparola non ha ancora preso pienamente piede. Il video è stato visualizzato poco meno di 1500 volte e sono stati lasciati circa 180 commenti. Dando un rapito sguardo ai commenti sembra comunque che l'iniziativa sia stata accolta favorevolmente. Alcuni utenti si complimentano per l'iniziativa, altri hanno iniziato a lasciare proposte, altri ancora si dimostrano molto scettici.

Alessandro Sala, nel suo articolo su Il Corriere della Sera, si sofferma anche sul look del Ministro e la scenografia del video. Secondo Sala il look sarebbe studiato per ricordare la maestra unica, e anche quel melograno non sarebbe li per caso.
Da notare infine come il pc sia aperto sulla pagina iniziale di Google e non sul sito del Ministero o del nuovo canale su YouTube.

Per il momento mettiamo un 8 e mezzo al Ministro in "Internet e nuove tecnologie", riservandoci di interrogarla nuovamente per confermare o modificare il voto.

Via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
64 commenti Aggiorna
Ordina: