Vittoria in Belgio, dell'ISP Scarlet

Vittoria in Belgio, dell'ISP ScarletIl provider belga Scarlet ha ottenuto la sua prima vittoria in un importante caso che si trascina ormai da alcuni mesi. A settembre il provider si era visto costretto da un tribunale a filtrare e bloccare il traffico proveniente dalle reti peer-to-peer.

La società belga degli autori e compositori (la SABAM, una sorta di SIAE-RIAA) iniziò una causa contro Tiscali, di cui Scarlet fa parte, e diversi provider del Belgio. Inizialmente, nel 2004, il giudice aveva condannato Scarlet-Tiscali al pagamento di una multa di 2.500 € per ogni giorno, se non avesse bloccato le reti P2P entro sei mesi.

Quest'anno, però, Scarlet ha chiesto alla Corte di annullare questo ordine, perchè i sistemi utilizzati dalla SABAM per il monitoraggio della rete (il software Audible Magic) hanno fornito informazioni inesatte. A questo punto il giudice ha deciso di annullare il procedimento, dando, di fatto, la vittoria al provider belga.

Via | Securityandthe.net

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: