Secondo un giudice americano non è possibile costringere un uomo a rivelare la propria chiave PGP

Secondo un giudice americano non è possibile costringere un uomo a rivelare la propria chiave PGPUn giudice federale del Vermont ha stabilito che i pubblici ministeri non possono costringere una persona a decriptare il proprio hard disk rivelandone la chiave PGP.

Il caso riguarda un uomo accusato di aver trasportato sul suo computer attraverso la frontiera canadese materiale pedopornografico. Il giudice ha dichiarato che il Quinto Emendamento protegge il diritto dell'accusato di non testimoniare contro se stesso.

Lo stesso discorso vale, quindi, per le password. Questa sentenza potrebbe diventare un punto di riferimento importante per quanto riguarda la questione se un criminale debba essere costretto o meno a rivelare le password del proprio PC.

Molti pubblici ministeri considerano le password o le chiavi PGP come le chiavi di cassette di sicurezza che contengono documenti incriminanti. Negli Stati Uniti una persona può essere costretta, infatti, a consegnare una chiave di questo tipo.

Orin Kerr, ex procuratore del Dipartimento di Giustizia, condivide con questo punto di vista, riconoscendo che si tratta di un provvedimento duro ma necessario.

Altri, invece, sono contrari e, appellandosi al quinto emendamento, chiedono che questo venga applicato anche alle chiavi crittografiche. Una chiave PGP, infatti, può essere considerata come testimonianza.

Ma il caso in questione non è semplice. Il computer incriminato, quando ha passato la frontiera canadese il 17 dicembre 2006, è stato aperto da un funzionario che ha scoperto migliaia di immagini di pornografia infantile.

La chiave PGP, quindi, è stata inserita successivamente. E' possibile che i pubblici ministeri siano in grado di stabilire che il computer contenesse immagini pedopornografiche perchè almeno due agenti federali lo hanno visto.

Ma questa sentenza potrebbe avere un improtante impatto per quanto riguarda la privacy.

Via | News.cnet.com

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: