Facebook sotto accusa in Canada per violazione della privacy

Facebook sotto accusa in Canada per violazione della privacyFacebook è ancora al centro di roventi polemiche sulla privacy in Canada. Il CIPPIC (Canadian Internet Policy and Public Interest Clinic) ha presentato una denuncia chiedendo alla Commissione per la privacy canadese di rivedere la sua legge sulla privacy. Secondo il CIPPIC, infatti, Facebook viola in almeno 22 casi la privacy.

Le politiche sulla privacy di Facebook sono state analizzate da un gruppo di studenti di giurisprudenza durante l'inverno, scoprendo tutte queste violazioni e segnalandole al CIPPIC. Per esempio la possibilità di vedere i messaggi lasciati dagli utenti amici, oppure l'impossibilità di cancellare il proprio account (infatti se ne può richiedere la sospensione).

Facebook non ha mai dichiarato in che modo le società di terze parti hanno accesso ai dati personali degli utenti, e altre violazioni riguardano le foto caricate e numerose altre informazioni.

Lisa Feinberg, studentessa di giurisprudenza, ha dichiarato di essere preoccupata di come Facebook inganna i suoi utenti. "Facebook promuove se stesso come una rete sociale, ma è contemporaneamente coinvolto in attività commerciali che riguardano la pubblicità mirata". Facebook, secondo il CIPPIC, non fa abbastanza per soddisfare le richieste degli avvocati e la salvaguardia dei dati personali.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail