In Islanda altra sconfitta delle major

IsTorrent prosciolto dalle accuseMentre in America la MPAA pare avere vita facile, come dimostra la recente chiusura di TorrentSpy, in Europa le Major non se la passano altrettanto bene: dopo che l'ISP svedese TeliaSonera si è rifiutato di impedire l'accesso a ThePirateBay, il sito di tracker bittorrent islandese Torrent.is, dapprima bloccato, è stato prosciolto da ogni accusa di copyright infringement.

Istorrent ehf, la società che gestisce torrent.is, era stata citata in giudizio dalla SMAIS, associazione islandese dei detentori di diritti sui film: in un primo momento, 4 mesi fa, il sito era stato fatto chiudere e tuttora un visitatore che punti il suo browser sul dominio torrent.is viene reindirizzato su istorrent.is, un blog (in islandese) gestito dei responsabili di Istorrent. Ma una volta giunti in tribunale, il giudice ha stabilito che per le leggi islandesi fornire funzioni di ricerca files o files (in questo caso torrent) contenenti informazioni su altri files non costituisce reato, a meno che i torrent stessi non siano sotto copyright: dal momento che i file torrent contengono metadati, sono perfettamente legali. Dunque è probabile un ritorno di torrent.is, nonostante la SMAIS si appellerà sicuramente alla Corte Suprema.

Intanto la SMAIS, che è partner della MPAA (Motion Picture Association of America) e della NAPO (Nordic Anti-Piracy Organizations) è stata condannata a pagare le spese processuali (4250 euro).

Via | TorrentFreak.com

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: