Un nuovo test conferma: Firefox consuma meno memoria

Un nuovo test conferma: Firefox consuma meno memoriaDopo il recente test che ha messo in luce i miglioramenti nello sfruttamento della memoria da parte di Firefox 3, un nuovo test sembra confermare questa situazione. L'enorme quantità di lavoro da parte degli sviluppatori di Firefox 3 ha dato i suoi frutti, e il risultato è molto evidente.

Il test è stato condotto con Firefox 3 beta 4, Firefox 2.0.0.12, Internet Explorer 7, Opera 9.5 beta e Safari 3.04 beta. Questa volta no è stato possibile utilizzare Internet Explorer 8, dato che il software è andato numerose volte in crash durante il test. La prova consisteva nell'apertura di 50 schede, e il risultato ha confermato che Firefox 3 generalmente consuma meno della metà della memoria utilizzata da Firefox 2.0.0.12. Firefox 3 ha dimostrato miglioramenti nella reattività nel passaggio tra una scheda all'altra, operazione che su Firefox 2 era più lenta, a causa del grande carico di lavoro a cui il browser era sottoposto.

Firefox 3 consuma molta meno memoria degli altri software, non solo a navigazione attiva, ma anche quanto tutte le pagine sono state chiuse. I risultati di questo nuovo esperimento rappresentano una grande vittoria per Firefox, visto che proprio il consumo di memoria era uno dei difetti più evidenti delle precedenti versioni. Per raggiungere questo risultato gli sviluppatori hanno affrontato il problema da diversi punti di vista.

Per ridurre le frammentazioni della memoria, gli sviluppatori hanno cercato di minimizzare il numero totale delle allocazioni di memoria, in particolare durante l'avvio. Inoltre è stato anche migliorata la gestione della memoria nello sfruttamento degli oggetti non attivi, una particolarità che permette di migliorare le perdite di memoria introdotte dalle numerose estensioni di Firefox.

L'evangelista di Mozilla Christopher Blizzard ha anche dichiarato che Firefox 3, proprio a causa di questi miglioramenti nella gestione della memoria, è pronto ad essere introdotto nei dispositivi mobili. La prossima versione di Firefox ha quindi molto da offrire, oltre ad un minore ingombro della memoria, anche una interfaccia migliorata, nuovi temi, una gestione dei segnalibri completamente rivista, la cronologia che utilizza un database SQLite. Si spera, ovviamente, che questi miglioramenti portino Firefox a guadagnare sempre più quote di mercato a danno dei suoi concorrenti.

Via | Arstechnica.com

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: