Alltop: una start page con il meglio dei blog in inglese per categorie

Alltop, una startpage con decine di blog interessanti divisi per categorieA cavallo tra il 2005 e il 2006 fecero la loro comparsa diversi servizi come Netvibes o PageFlakes che permettevano di crearsi una homepage personalizzata, inserendo ad esempio i feed dei siti che volevamo controllare ogni mattina.

PopURLs nato nel marzo del 2006, divenne un piccolo caso, in quanto nella sua semplicità, riusciva ad attrarre un buon numero di visitatori, in quanto visualizzava in una sola pagina i feed più interessanti e diversi elementi multimediali come foto e video dai principali servizi.
All'utente veniva fornito uno sguardo veloce ad una serie di blog e agli ultimi contenuti di una serie di servizi.

Alltop è una sorta di Yahoo! 2.0, se qualcuno ricorda come era Yahoo! all'inizio, una directory in cui divisi per argomenti troviamo i blog più seguiti: chiaramente sono tutti in inglese, soprattutto perché il pubblico americano è particolarmente svogliato nel cercare al di fuori del proprio idioma.
Auto, design, cibo, musica, ma anche noprofit, religione, e politica trovano spazio tra le categorie di Alltop: troverete i blog di diversi network di nanopublishing, di singoli autori, e quelli delle colonne online di diversi quotidiani come il New York Times.

Dichiaratamente ispirato a PopURLs, è ancora stilisticamente un po' acerbo: è soprattutto carente l'integrazione dei contenuti, ad esempio nei blog di fotografie non vengono visualizzate le anteprime delle immagini.

Il servizio risulterà molto interessante per chi è alla ricerca di nuovi sentieri di lettura e per dare uno sguardo veloce ai titoli di decine e decine di blog, anche se per quanto sia originale, ho trovato molto fastidiosa la barra orizzontale semitrasparente che caratterizza Alltop.
Dietro questo servizio c'è Guy Kawasaki, che torna alla ribalta dopo l'insuccesso di Truemors, un sito per segnalare i rumors e le novità non ufficiali, una sorta di Digg che non ha incontrato il favore degli utenti, ma quello degli spammer.
[via | Podtech.com]

  • shares
  • Mail