Google, l'Europa accusa Android di concorrenza sleale

Google di nuovo sotto al mirino della Commissione Europea per l'antitrust. La denuncia originale proviene dalla rivale Microsoft.

La Commissione Europea per l’antitrust sta esaminando con estrema attenzione le operazioni commerciali di Google riguardanti la galassia Android. Sarà possibile accertare che il colosso del mobile ha sfruttato la propria posizione dominante per espandere la quota di mercato del suo OS?

La denuncia viene da Microsoft e Nokia



Abbiamo già visto ad aprile che Microsoft, velenosissimo nemico di Google, è stato assieme al partner commerciale Nokia uno dei principali attori di questa commedia, presentando alla Commissione Europea una lamentela ufficiale in cui denunciava che Android come un metodo disonesto ed ingannevole con cui Mountain View promuove l’uso dei propri servizi.

Detta da Microsoft, la multinazionale che in passato è stata dolorosamente multata per aver inserito Internet Explorer nei suoi sistemi operativi allo scopo di estromettere i browser rivali, tale denuncia risulta tanto circostanziata quanto profondamente ironica.

I piani della commissione



Google non sembra davvero capace di stare fuori dai guai. La commissione ha dichiarato di essere pronta a questa nuova investigazione, esaminando con particolare attenzione se Google ha “venduto sottocosto” la piattaforma allo scopo di tagliare le gambe alla concorrenza, e se ha anche fatto in modo di cancellare, ritardare o impedire il lancio di sistemi dotati di altri sistemi operativi.

Questa seconda accusa mi pare di gran lunga la più grave, ma onestamente mi pare contraria al “carattere” di Google, e senza precedenti.

Un altro punto fondamentale dell’indagine sarà chiarire quanto Google abbia forzato i rivenditori ed assemblatori di informatica a installare le app che sfruttano i suoi servizi, dando loro una posizione di preminenza sui device.

Via | All Things D

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: