Google I/O 2013, la diretta live del keynote evento: Larry Page risponde alle domande del pubblico

Alle 18 ore italiana a San Francisco avrà inizio il keynote che aprirà Google I/O 2013. Seguitelo in diretta qui su Downloadblog.

21.30 - Dopo tre ore di keynote e mezz'ora di domande e risposte con Larry Page, co-fondatore di Google, l'appuntamento si è concluso.

20.59 - E' il momento delle domande dei presenti in sala. Si comincia con Robert Scoble e si prosegue con Daniele di Mozilla, che si interroga sul futuro del web e su come e quando sarà sempre più integrato in Android. Page si dice deluso da come il web non stia avanzando tanto velocemente quanto dovrebbe. Glissando un po' la questione centrale, Page sottolinea come Google debba fare i conti anche coi progressi delle aziende che collaborano con essa e svilupparsi passo dopo passo insieme ad esse.

Le domande, in generale, vanno al di là delle novità presentate oggi e abbracciano discorsi più ampi e importanti come la libertà di parola e come Google abbia intenzione di preservarla, passando per lo sviluppo di Google Fiber, la fibra ottica di Montain View, e la sua espansione, passando per le iniziative dell'azienda nel settore dei dispositivi fisici.

Non mancano domande più attese sui Google Glass e su quante unità verranno spedite:

Non quante unità saranno. Vogliamo essere sicuri di costruire un'esperienza che renda davvero le persone felici.

20.55 - Il discorso di Page, lo pubblicheremo non appena l'evento si sarà concluso, si concentra anche su The Internship, il film sullo stage in Google, tradotto in italiano come "Gli stagisti", di due quarantenni che perdono il lavoro e decidono di ricominciare daccapo proprio presso Google. Questo il trailer:

20.48 - Larry Page, fondatore di Google, sale sul palco nonostante i recenti problemi di salute, e fa un riepilogo di quanto abbiamo visto e sentito finora, una sorta di punto della situazione su Google oggi, di come sono cambiati i tempi e come cambieranno. Parole toccanti sul nostro futuro, su come possiamo usare la tecnologia per migliorare il nostro futuro e rendere più facile la vita di molte persone.

Nonostante i veloci cambiamenti dell'industria ci stiamo muovendo molto lentamente verso le opportunità che abbiamo.

Google I/O keynote

Google I/O keynote
Google I/O keynote

20.45 - Il futuro di Google Maps passa anche da Google Earth: arriva il real time, la funzione che vi permette di zoomare fino a vedere l'intero pianeta in tempo reale, con nuove e tutto il resto. Il tutto a partire da oggi. Potete fare un tour delle novità e richiedere un invito per essere tra i primi a testare il nuovo Google Maps a questo indirizzo.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

20.37 - Il nuovo Google Maps è costruito per l'utente e intorno all'utente, ogni mappa sarà unica e personalizzata per l'utente che la sta visualizzando. Tra le altre cose, possiamo dire addio alla barra laterale e dare il benvenuto ad una pratica barra in alto che ci farà ad assistente personale. Anche utilizzare i trasporti pubblici sarà più facile grazie a Google Maps: scegliete il punto di partenza, la destinazione e il mezzo con cui avete intenzione di raggiungerlo. Google farà il resto e vi fornirà tutte le indicazioni. E, altro particolare importante, le immagini in 3D di Google Earth saranno lì con voi all'interno del browser, pronte per arricchire le vostre ricerche.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

20.32 - Ricordate la prima volta che avete usato Google Maps? Bene, Google Maps non è soltanto applicazioni per smartphone e tablet, è anche e soprattutto un servizio per desktop e proprio per questo motivo molte delle novità arrivano proprio per questa versione. Il nuovo Google Maps, assicura Google, vi farà rivivere l'esperienza della prima volta che avete usato il servizio. Come anticipato nei giorni scorsi, Google Maps si rinnova e presenta un'interfaccia completamente rivista, più adatta alla navigazione e alla ricerca di punti di interesse, tutti corredati dalle recensioni di amici, esperti e utenti di Google+.

20.28 - "Il mondo del mobile nn è soltanto smartphone. Dobbiamo pensare un po' più in grande?". A quanto pare sì: Google Maps arriva anche sui tablet con la funzione Explore. Per queste novità - nuovo design, nuova esperienza di navigazione e approdo sui tablet - dovremo attendere ancora qualche settimana: il lancio è revisto per l'estate.

20.22 - Google Maps per iOS, lanciato nel dicembre scorso, viene rinnovato insieme alla versione per i dispositivi Android. Non più soltanto direzioni e navigazione, Google Maps va oltre. Nuovo look e un nuovo sistema di votazioni e recensioni per luoghi, ristoranti e quant'altro. Vi basterà cercare un locale et voilà: Google vi fornirà i risultati delle vostra ricerca corredati dalle recensioni degli utenti, le recensioni dei vostri amici e, cosa più importanti, degli esperti del settore, così da avere un'opinione il più completa possibile. Questo è reso possibile grazie alla partnership con Zagat.

20.19 - Ad oggi esistono oltre un milione di siti internet che utilizzano Google Maps, siti che vengono visitati da oltre un miliardo di persone ogni settimana. Di fronte a questi numeri, un aggiornamento del servizio era necessario, a cominciare da Google Maps per i dispositivi mobili, iOS compreso.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

20.16 - Tocca a Google Maps. Le novità anticipate nei giorni scorsi stanno arrivando. Brian McClendon sale sul palco per illustrarle. Prima, però, una piccola panoramica di quanto è stato fatto finora con Google Maps e Google Street View.

20.13 - Dieci minuti di esempi. Sì, Google Now per Chrome e Chrome OS può fare tantissime cose per noi.

20.06 - Johanna Wright sale sul palco per illustrarci le novità appena presentate in azione. Il tutto, va da sé, senza l'ausilio delle mani. Solo voce. Più che un motore di ricerca, un vero e proprio assistente personale che arriverà anche a prenotare tavoli nei ristoranti per contro vostro. Da oggi su Chrome e Chrome OS.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

20.02 - L'esperienza di Google Now arriva anche su desktop. Basta parole chiave, sarà sufficiente chiedere a Google ciò che state cercando come fareste con un vostro amico. Arrivano nuove schede e più converserete con Google, più utile e intimo esso diventerà, fino a fissare appuntamenti per voi come accade già con Siri di Apple.

19.58 - Google sarà in grado di rispondere, conversare e anticipare. Vediamo insieme come, a partire dal Knowledge Graph introdotto lo scorso anno. A partire da oggi, Google sarà in grado di anticipare le nostre domande: avete chiesto delle statistiche a proposito della popolazione in India? Google ci suggerirà paragoni con la popolazione della Cina e dei Paesi vicini.

Arrivano anche nuove lingue: polacco, turco, cinese e cinese semplificato.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

19.57 - Il vero cuore di Google, l'origine di tutto: Google Search. Cambiamenti in arrivo anche qui.

19.54 - Auto Awesome sono cinque nuovi effetti che verranno introdotti oggi su Google+, a quanto pare sarà un rollout globale quindi potrete cominciare fin da subito a sbizzarrirvi col fotoritocco per tutti.

19.47 - Sempre in tema di fotografie, ecco arrivare Auto Enhance, una strumento che promette di modificare in modo rapido e velocissimo le vostre immagini come potrebbe fare un esperto di Photoshop. Voi, però, non dovrete far nulla: sarà Google a migliorare i vostri scatti per voi. In definitiva, a giudicare dall'entusiasmo del team che sta facendo la presentazioni, saremo tutti più belli e felici, almeno in fotografia. E tutto questo grazie a Google. Dimenticate pure imperfezioni della pelle, facce stanche e chi più ne ha più ne metta. Paura, eh? Ovviamente, almeno questo, sarete voi a dare l'ok finale e pubblicare le immagini ritoccate.

19.42 - Google+ Photo viene rinnovato e introduce una funzione che gli utenti di Dropbox conoscono bene: sarà possibile caricare le foto delle nostre fotocamere o dispositivi portatili direttamente in Google+, in modo del tutto automatico e anche alla massima risoluzione. Proprio per questo viene posto l'accento sull'unificazione dello spazio disponibile tra Google Drive, Gmail e lo stesso Google+ Photo, come vi abbiamo annunciato ieri.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

Siete appena tornati da una vacanza e non avete tempo o voglia di condividere le foto che avete scattato? Ecco una novità: sarà Google ha passare in rassegna le vostre foto e scegliere le migliori da condividere online. Paura, eh? Niente duplicati, niente immagini sovraesposte, niente scatti mossi: Google pubblicherà in automatico soltanto le immagini più belle, quelle che sicuramente vorreste mostrare ad amici e parenti. E, cosa ancor più inquietante, non ci saranno facce tristi.

19.39 - Importante rinnovo anche per Google Hangouts, il "modo per comunicare con le persone che ami". Oltre alla versione che già conosciamo come integrata in Google+, Hangouts diventa un'applicazione a sé stante. Le conversazioni, assicura Google con forse un po' troppo entusiasmo, "non saranno più come prima, vi sembrerà di trovarvi lì con la persona con cui state parlando". L'app è disponibile fin da subito per i principali sistemi operativi, Android e iOS compresi.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

19.31 - E' il momento del nuovo Google+, che arriva con ben 41 nuove feature che riguardano tre grandi aree, a cominciare dal flusso delle notizie è stato rivisto e corretto in funzione del numero sempre crescente di utenti che si iscrivono giorno dopo giorno. Gli hashtag, parte integrante di Google+ da un po' di tempo ormai, si fanno da soli: sarà Google+ a crearli per voi e a suggerirvene di nuovi, correlati a quelli già usati.

Inserirete una foto della Torre Eiffel? Sarà Google+ a scegliere l'hashtag giusto per l'occasione, senza che voi scriviate nulla. Riconoscerà la Torre Eiffel di Parigi e vi suggerirà quale hashtag utilizzare.

La nuova grafica ricorda da vicino quella di Pinterest. Google, però, non sembra notarlo e come social network di confronto sceglie Facebook, sottolineando come Google+ sia più facile da navigare, più bello da vedere. Il rollout inizierà nelle prossime ore, quindi preparatevi a questo cambiamento radicale.

19.30 - Cos'è che Google fa meglio? La risposta è YouTube, Google Maps e Google+. I team dei tre prodotti arrivano per fare una panoramica generale.

19.26 - Torna Sundar Pichati e ci mostra una demo di come in Malesia vengono usati i Chromebooks nelle scuole e nel settore dell'istruzione più in generale. "Il web è la vostra scuola, andate e imparate".

19.20 - Google Apps e come vengono usate nell'educazione. Torna sul palco Chris Yerga:

Gli insegnanti ci hanno spiegato che nell'educazione c'è un grosso gap tra ciò che è possibile fare con la tecnologia e cosa è pratico. E ci hanno detto che spettava a Google trovare una soluzione.

Questa soluzione si chiama Google Play for Education, creata appositamente per gli educatori: applicazioni per i bambini, applicazioni per gli insegnanti. Il lancio è previsto in autunno.

19.14 - Demo time! Upson ci mostra un gioco chiamato Racer: A Chrome Experience, un nuovo esperimento di Google che sfrutta le potenzialità del nuovo Chrome, l'ultima versione del browser made in Moutain View, e può essere giocato su più dispositivi contemporaneamente, creando una vera e propria pista automobilista lunga in base a quanto terminali avete sotto mano.

19.10 - VP9 è per i video quello che WebP è per le immagini: una nuova codifica video che permette di avere la stessa qualità di un H.264 per oltre la metà del peso, per essere precisi il 63% di peso in meno.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

19.05 - A proposito di Chrome, prende la parola Linus Upson, VP of Chrome Engineering, che riepiloga le ultime novità introdotte nelle versione del celebre browser di casa Google. Ma cosa ci riserva il team per il futuro? Si comincia con WebP, un nuovo formato di compressione per immagini che permette di avere un file più leggero del 30% rispetto al formato JPEG. E' senza licenza, permette una compressione lossless, trasparenza e animazione, quindi può benissimo sostituire anche i format PNG e GIF.

19.02 - The Hobbit: The Desolation of Smaug, è un gioco in cui gli hobbit dovranno evitare di essere mangiati dai troll, un gioco in 3D per tutti i dispositivi di Google.

18.58 - Sundar Pichati torna sul palco per parlarci di Chrome e Chrome OS e Chromebook, in particolare del Samsung in vendita su Amazon al costo di 249 dollari.

18.55 - Finalmente la tanto attesa versione di Google del Samsung Galaxy S4: supporto LTE, 16GB di memoria. In vendita sbloccato a partire da 649 dollari. Negli Stati Uniti, s'intende.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

18.51 - La risposta di Google a Spotify, come le indiscrezioni avevano suggerito, è arrivata: il tutto sarà disponibile negli Stati Uniti al costo di 9,99 dollari al mese. Sarà disponibile, come accade anche con Spotify, una prova gratuita che in questo caso sarà di 30 giorni. E' disponibile da oggi negli Stati Uniti e pian piano verrà esteso ad altri Paesi, Italia compresa.

18.44 - Tocca alla musica. Arriva Google Play Music All Access, un nuovo sistema di raccomandazioni basate solo e soltanto sui nostri gusti o consigliate da esperti del settore, un po' come accade con la radio di Spotify. Si tratta di una vera e propria radio senza alcuna regola. Scegli quello che vuoi ascoltare, crei una tua playlist personalizzata. Nessun limite di dispositivi: All Access è per computer, smartphone, tablet e chi più ne ha più ne metta.

18.41 - è tempo di miglioramenti per il Google Play e Chris Yerga, engineer director, sale sul palco per illustrare le novità: nuovo design, suggerimenti e una nuova modalità che permette di filtrare le applicazioni compatibile col nostro dispositivo. Niente più problemi di compatibilità, sarà Google Play a fare da filtro. Questo vale per tutte le sezioni dello store, dalle applicazioni ai giochi, dai libri ai film.

18.39 - Beta testing e stage rollout permetteranno agli sviluppatori di testare le proprie applicazioni con un gruppo ristretto di utenti prima del rollout finale. Anche prima di questo, però, lo sviluppatore potrà decidere di raggiungere soltanto una percentuale di utenti, da un 10% fino alla totalità.

18.37 - Referral Tracking, Usage Metrics e Revenue Graphs arricchiscono le statistiche degli sviluppatori, fornendo in tempo reale tutto quello che devono sapere a proposito delle loro applicazioni. Come sta andando in Giappone? O in Russia? Quanto stiamo guadagnano in Italia?

18.32 - A prendere la parola ora è Ellie Powers, product manager presso Google. Tocca ad App Translation Service, un servizio che permette di ottenere traduzioni professionali in pochi istanti, una funzione fondamentale per gli sviluppatori che vogliono espandere il loro pubblico. Sarà sufficiente inviare la propria traduzione e, nel giro di una settimana, eccola pronta per essere inserita all'interno dell'applicazione.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

18.30 - è la volta di Android Studio, una feature che faciliterà e non poco il lavoro degli sviluppatori, mentre cambierà ben poco per gli utenti finali.

18.24 - Google Play game services. Pronti per il multiplayer e per il gioco online coi vostri amici? Finalmente si può. Tre grandi schermi - e qualche piccolo crash che fa parte della diretta - illustrano come tre utenti possono giocare insieme. Qualche piccolo problema tecnico, tutto si risolve tra le risate e gli applausi del pubblico in sala.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

18.17 - La prima novità, inserita nell'ambito di Google Play Services, lo strumento che permette agli sviluppatori di accedere alle ultime versione delle API direttamente da Google. Arrivano tre nuove API: Fuse Locations, Geofencing e Google+ Sing-in. Un video illustra in sala come funzionano.

18.14 - Hugo Barra, VP Product Manager, prende la parola. Ancora numeri, importanti numeri: 48 miliardi è il numero di app installate sui dispositivi Android, in continua e costante crescita. Solo negli ultimi mesi gli sviluppatori hanno guadagnato più di quanto avessero mai fatto dall'uscita di Android. Al centro di tutto, però, ci siamo noi, gli utenti finali. E Barra ha pensato proprio a noi, a voi.

18.11 - Tocca ad Android. Un video mostrato ai presenti ripercorre i successi di questo piccolo grande sistema operativo, dalla sua prima comparsa nel mondo degli smartphone ai traguardi raggiunti fino ad oggi: ben 900 milioni di dispositivi:

Non saremmo potuti arrivarci senza di voi. La strada, però, è ancora lunga. Ci sono 7 miliardi di persone al Mondo, dobbiamo darci da fare!

18.05 - è la volta di Sundar Pichati, ingegnere di Google, che parte molto da lontano, dai primi computer fino ad arrivare agli smartphone, sempre più diffusi e sempre più parte delle nostre vite.

Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote
Google I/O keynote

Ci sono sempre più tipi di schermi, e non soltanto monitor di PC e schermi di smartphone o tablet. Questo è senza dubbio uno dei momenti più importanti per la nostra azienda. Siamo molto fortunati qui a Google: oggi Android è il sistema operativo più utilizzato al Mondo.

Non sorprendono gli applausi. Allo stesso modo anche l'altro prodotto realizzato per migliorare l'esperienza degli utenti, Google Chrome, è il browser più utilizzato al Mondo. L'azienda, ribadisce Pichati, si impegna giorno dopo giorno per migliorare queste due piattaforme.

18.03 - Vic Gundotra, Senior Vice President di Google sul palco per l'introduzione.

18.00 - Ci siamo. Il keynote sta per iniziare.

Oggi, 15 maggio, Google aprirà le danze dell'atteso Google I/O 2013, l'annuale incontro rivolto alla comunità degli sviluppatori, che si terrà a San Francisco fino a venerdì. Tre giorni di appuntamenti - qui il calendario completo - che verranno anticipati dal keynote, la conferenza di presentazione in cui verrà fatta una panoramica dell'evento e che servirà anche da vetrina per le tante succose novità che l'azienda ha intenzione di lanciare nel corso dei prossimi mesi.

Il keynote sarà trasmesso in diretta streaming a questo indirizzo a partire dalle 19 di stasera e subito dopo la sua conclusione verrà pubblicato integralmente sul canale YouTube di Google Developers. Noi, a partire dalle 18, saremo qui con voi per aggiornarvi in tempo reale su tutto quello che succederà a San Francisco e su tutte le novità che Google ha in programma di mostrare e illustrare.

  • shares
  • Mail