Google Play Games, la nuova piattaforma di gioco sul cloud di Google

Sapevamo che Google Play Games sarebbe stato in dirittura di arrivo a breve - ma un leak di Android Police rivela tutti i dettagli anzitempo rispetto al Google I/O


Google Play Games
è un nuovo servizio di Google completamente rivolto a sfidare Steam e Xbox Live, una piattaforma per il gaming su Android che unirà in un pratico pacchetto multiplayer online, achievements, social media per videogiocatori incalliti ed altri servizi specializzati. Un leak rivela anzitempo le sue feature.

Tutto sulla nube


Google Play Games arriva quasi silenziosamente, grazie ad una copia dei servizi Google Play v3.1.36 rilasciata anzitempo ed intercettata da Android Police, che contiene vari “pezzi” della nuova piattaforma per i videogiochi di Google.

Gli screenshot indicano menu a cascata, account multipli, cartelle condivise ed un menu per gestire le (sicuramente numerose) notifiche provenienti da Google Play Games. Sembra che la versione definitiva comprende funzioni molto invitanti per chi ama la socialità nel gaming:

  • Leader board
  • Sync dei salvataggi tra tutti i propri device
  • Achievement
  • Badge sotto forma di icone
  • Inviti

  • Lobby di attesa prima dell’inizio delle partite
  • Chat in game
  • Funzionalità di “matchmaking” per trovare avversari ed alleati
  • Funzionalità per i giochi a turni

Tutti i nostri dati, pertanto, vengono salvati da Google e conservati, in modo da non darci l’incubo di perdere i salvataggi e le amicizie se dovesse succedere qualcosa ai nostri device.

Integrazione con gli altri servizi di Google

A quanto pare Google Play Games è ovviamente una parte di Android, come le “app fondamentali” che rendono possibile sfruttare il sistema operativo di Google. Ma Games è integrato anche con il resto della galassia di servizi che fanno capo a Mountain View.

È abbastanza facile supporre che la chat dei giochi sia in effetti gestita dalla nuova piattaforma “conglomerata” Hangouts, e che i nostri contatti con gli altri giocatori siano invece una parte del social network Google+, che per quanto non abbia successo per conto proprio è parte integrante del nostro account di Google.

Scopriremo altri dettagli in occasione del Google I/O, una mega conferenza di 3 ore in cui non mancheranno le novità, se dobbiamo giudicare la pletora di rumor.

  • shares
  • Mail