YouTube introduce i canali a pagamento, presto anche in Italia

YouTube ha finalmente fatto debuttare il modello a pagamento: ecco i dettagli sui nuovi canali e come funzionerà la sottoscrizione.

Dopo le insistenti indiscrezioni delle ultime settimane, i canali a pagamento di YouTube sono diventati realtà. Si comincia con una piccola selezione che promette di cambiare il modo di fruire i contenuti su YouTube e rivoluzionare il mondo delle web tv.

Con un post sul blog ufficiale di YouTube, Google ha dato il via ad una nuova era per il celebre portale di video sharing e spiegato cosa cambierà per gli utenti e per chi fornisce i contenuti originali. A partire da oggi i creatori di contenuti potranno cominciare a monetizzare attraverso la piattaforma che a sua volta potrà aumentare le entrare e crescere ancora di più.

Abbonamenti a partire da 99 centesimi

Saranno gli stessi creatori di contenuti a stabilire l'entità della sottoscrizione. Si parte da un minimo di 99 centesimi per l'abbonamento mensile e ogni canale offrirà agli utenti una prova gratuita di 14 giorni così da aiutarli a decidere se proseguire con l'abbonamento o meno.

Al di là della tariffa mensile sarà possibile ottenere degli sconti nel caso in cui si scelga una soluzione a lungo termine, come l'abbonamento semestrale o annuale. Quello dipenderà dai singoli canali, a cui viene data libertà di scelta da parte di YouTube.

Si comincia con 53 canali negli Stati Uniti

Ad aprire la strada sono 53 canali che toccano un po' tutti gli argomento e sono rivolti ad un pubblico il più vasto possibile. I più piccoli potranno divertirsi con la tartaruga Franklin e con le animazioni 3D di TreehouseDirect, i fan della Ultimate Fighting Championship, per esempio, avranno la possibilità di gustarsi gli incontri integrali, gli appassionati di cucina si diletteranno con RecipeTV, mentre se siete appassionati di fitness potrete abbonarvi a iAmplify Fitness e così via.

E in Italia?

Molti altri canali, assicura YouTube, arriveranno col passare del tempo e molto presto usciranno dai confini degli Stati Uniti per arrivare anche in tutti gli altri Paesi del Mondo. Nessuna notizia circa un'introduzione dei canali a pagamento in Italia, ma state certi che prima o poi anche noi potremo pagare per contenuti originali nella nostra lingua.

Via | YouTube

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: