Parte la procedura di assegnazione delle frequenze WiMax in Italia

Il ministro Gentiloni ha finalmente dato il via libera alla procedura per l'assegnazione delle frequenze per il sistema WiMax nella banda 3.4-3.6 GHz (banda 3.5 GHz).

Tramite l'utilizzo di questa tecnologia, che sfrutta la propagazione via radio della “banda larga” cercherà di risolvere le problematiche di copertura di aree geografiche più difficilmente raggiungibili o attualmente poco remunerative per gli operatori.

La riduzione del digital divide sarà così inseguita tramite connessioni ad alta velocità alle reti di telecomunicazioni (fino a 74 Mbit/s), in un raggio di circa 50 chilometri dal singolo punto di propagazione (rispetto invece alle poche decine di metri della tecnologia WiFi).

Riguardo alla notizia non si sono fatte attendere le analisi di Adiconsum e quella di Stefano Quintarelli, il promotore della iniziativa "la fibra che ride".
Quanti di voi attendono ancora l'ADSL immagino stiano già esultando.

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: