Facebook inizierà a vendere musica online?

Secondo un rumor ma che verrebbe da una fonte abbastanza attendibile di AllFacebook, il social network che varrebbe dieci miliardi di dollari potrebbe aprire un negozio virtuale di musica online.

Nei mesi scorsi Facebook ha cercato a lungo un CEO per dirigere una nuova divisione e sembra che ci siano stati molti contatti con le case discografiche per proporre il proprio catalogo ai milioni di utenti di Facebook.

Indubbiamente se questa mossa di Facebook diventasse realtà sarebbero in tanti a preoccuparsi: innanzitutto quei servizi web come iLike che stanno basando il loro business su una applicazione per Facebook, e in seconda battuta il suo competitore per eccellenza, MySpace, che proprio grazie all'uso promozionale che gli artisti musicali ne hanno fatto, ha visto crescere la propria popolarità.

Questo negozio virtuale di musica online sarebbe infine un concorrente di iTunes? Dipende, Amazon ci sta provando cercando di proporre prezzi più bassi, assenza di DRM, e interoperabilità con i diversi player con mp3 ad una discreta qualità.
Facebook come social network ha le possibilità per sfruttare l'effetto coda lunga e, come ha dimostrato in altri casi, è potenzialmente in grado di integrare le funzioni di altri servizi, da Craigslist a LinkedIn.

Continuo comunque a pensare che sarebbe necessario che i vari negozi online registrassero i nostri acquisti, in modo da poter scaricare nuovamente i brani precedentemente acquistati, in caso di smarrimento o cancellazione, e di poter scegliere di scaricarli a qualità diverse, fino almeno ad un formato looseless per chi vuole masterizzarlo su cd: altrimenti a che servono ore ed ore di lavoro sui suoni in sala di registrazione se il risultato finale deve essere appiattito da un mediocre chip di conversione digitale/analogico?

E questo indipendentemente da discussioni sul costo della musica in formato digitale, o da soluzioni in grado di mettere in discussione l'intero sistema delle case discografiche, come la scelta dei Radiohead di distribuire autonomamente sia il formato digitale della propria musica, al prezzo che dedide l'utente, sia una versione deluxe dell'album che ad un doppio cd e a tutto il materiale artistico a corredo aggiunge due vinili per veri audiofili.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: