Youtube, si avvicina l'arrivo dei canali a pagamento

Youtube ha recentemente raggiunto il miliardo di visitatori unici mensili, piazzandosi al terzo posto tra i portali Web più visitati al mondo, alle spalle del motore di ricerca Google, e di Facebook. Il sito di condivisione video, protagonista di una recentemente rivisitazione dell'interfaccia e dei profili, potrebbe presto introdurre un'altra novità al proprio servizio, quella dei canali a pagamento.

Le parole di Robert Kyncl


Ad avvalorare questa tesi è stato proprio Robert Kyncl vice presidente di Youtube, attraverso un incontro avuto luogo a Los Angeles. In un'intervista realizzata per il Wall Street Journal Kyncl ha espresso la necessità di trovare nuove strade di finanziamento per i produttori dei contenuti multimediali, soprattutto per quelli più seguiti dagli utenti, che hanno spesso lamentato uno scarso volume di introiti derivanti dalle inserzioni pubblicitarie legate alle visualizzazioni.
“È molto importante creare nuove fonti di guadagno per i videomaker. Non sarà semplice per chi genera contenuti spingere gli utenti a tirare fuori dal portafogli la carta di credito per guardare uno show, ma questo sarà preceduto da un’intensa fase sperimentale e, con il passare del tempo, la bontà della formula verrà recepita dalle persone.”

Salvaguardia della leadership


Allo stato attuale non abbiamo a disposizione alcun tipo di comunicazione ufficiale al riguardo, anche se l'intenzione da queste parole sembra essere abbastanza chiara. Questo anche per tutelarsi dalla continua crescita di Vimeo principale concorrente della piattaforma di video-sharing, che in un futuro non molto lontano potrebbe mettere in seria preoccupazione la leadership del portale di proprietà Google. La strategia dei canali a pagamento potrebbe essere un'azione utile a scongiurare la possibile migrazione dei videomaker verso alternative più redditizie.

Via bitcity.it

  • shares
  • Mail