Posta su Facebook foto del figlio con fucile, si ritrova la polizia a casa

Genitore posta su Facebook una foto di suo figlio di 11 anni con un fucile in mano: le autorità bussano alla porta della sua casa in New Jersey.

Mettere in mano a un bambino di 11 anni un fucile non è un'idea tanto grandiosa, ma soprattutto non lo è fare poi anche una foto e postarla su Facebook. L'accoppiata di intuizioni geniali è venuta a tale Shawn Moore, genitore di Josh, 11 anni, ritratto sorridente sul social network con un fucile .22 in mano.

La foto in questione è bastata alle autorità del New Jersey per mandare a casa Moore, dove tra l'altro Shawn era assente, alcuni rappresentanti del Department of Youth and Family Services, accompagnati da alcuni poliziotti.

Oltre a controllare la situazione, i rappresentanti delle forze dell'ordine hanno anche chiesto di entrare in casa per controllare le armi in possesso della famiglia Moore, che ha alimentato la polemica riportando il rifiuto da parte di uno dei rappresentanti del Department of Youth and Family Services d'identificarsi.

Moore sostiene che le autorità non avrebbero neanche visto la foto, rispondendo a una "semplice" chiamata, ma per ovvi motivi la vicenda e la polemica alimentata su Delaware Open Carry hanno del surreale. Secondo le voci inoltre, il fucile sarebbe stato il regalo di compleanno per gli 11 anni del piccolo Josh. Una PlayStation no, eh?

Via | Cnet.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: