Google Maps ci porta sul monte Everest e sul Kilimanjaro

Google Maps si arricchisce ancora di contenuti e stavolta ha deciso di portare gli utenti a spasso per alcune delle cime più alte e famose del Mondo, dal monte Aconcagua nelle Ande argentine all'Everest, al confine tra la Cina e il Nepal, passando per il famoso Kilimanjaro e l'europeo monte Elbrus, in Russia.

Google Maps sulle cime più alte del Mondo

Non tutti sono in grado affrontare certe avventure, costose sia a livello fisico che economico, ma se volete togliervi uno sfizio e ammirare i fantastici panorami che questi monti regalano ogni giorni a centinaia di turisti, ecco che in vostro aiuto accorre Google Maps, che da ieri vi permette virtualmente di fare escursioni a passeggiare tra i sentieri tortuosi che portano in cima a tali meraviglie naturali.

Mettetevi comodi e fate un salto virtuale sulla cima Uhuru, il punto più alto del Kilimanjaro, a circa 5,895 metri sul livello del mare, o ammirate la Russia e le montagne del Caucaso dai 5.621 metri del monte Elbrus.

Google Maps sulle cime più alte del Mondo
Google Maps sulle cime più alte del Mondo
Google Maps sulle cime più alte del Mondo

Se volete visitare l'Everest dovrete accontentarvi di raggiungere il campo base situato in Nepal a poco più di 5.000 metri sul livello del mare, uno dei due luoghi in cui le spedizioni si fermano e si preparano a affrontare gli oltre 3 mila metri che li porteranno sul punto più alto del Monte. Oltre alle infinite distese innovate, potrete fare un tour dei luoghi di interesse situati nei dintorni, come il decoratissimo monastero Tengboche, sempre in Nepal.

Le immagini, raccolte utilizzando le ormai celebri camere digitali di Google installate per l'occasione su un treppiedi, sono disponibili sia che si utilizzi la versione desktop di Google Maps sia attraverso le applicazioni ufficiali per i dispositivi mobili.

Google Maps sulle cime più alte del Mondo

A questo punto, che il tour abbia inizio! E se siete curiosi di conoscere qualche aneddoto sul dietro le quinte di queste spedizioni fotografiche, c'è un post sul blog ufficiale di Google Maps pronto per soddisfare ogni vostra curiosità.

Via | Google

  • shares
  • Mail