Google Glass, dimostrazione con le applicazioni Gmail, Evernote e Path

Project Glass

Dal palcoscenico del South by Southwest (SXSW) di Austin, in Texas, arrivano interessanti novità su Google Glass, gli occhiali ultratecnologici in fase di sviluppo presso la società di Mountain View.

Nel dettaglio, le notizie arrivano da SXSW Interactive, dove Google ha organizzato una dimostrazione nella quale sono state incluse anche le prime applicazioni per Glass, facendo vedere ai presenti come queste vengono comandate dai movimenti della persona.

Timothy Jordan, Developer Advocate di Google, ha esordito sul palco dimostrando l'uso dell'applicazione del New York Times, mostrando come le notizie dell'ultima ora vengano recapitate direttamente sulle lenti di Glass con cadenza oraria, lasciando poi all'utente la possibilità di consultare foto, titoli ed eventualmente corpo del testo con una mossa della testa.

Tra le applicazioni presenti nella dimostrazione anche Gmail, con la quale leggere e rispondere ai messaggi più importanti in arrivo nella propria mailbox. Anche in questo caso, negli occhiali verrà visualizzata un'anteprima comprendente l'oggetto del messaggio e una foto del mittente, con la possibilità di dettare la risposta col sistema di riconoscimento vocale inserito nel dispositivo. Queste le parole di Jordan:

"Potrete ancora avere accesso alle tecnologie che amate, senza però perdere l'istante."

Evernote ha invece mostrato la funzionalità di upload su Skitch: dopo aver scattato una foto, sarà possibile accedere alla modalità condivisione selezionando il suddetto servizio per condividere immediatamente l'immagine. Discorso simile, ma inverso, anche con l'applicazione Path, che permetterà di ricevere una notifica in caso di condivisione da parte di uno dei propri contatti, offrendo la possibilità di commentarla senza avere con sé il proprio telefono.

Tutte le applicazioni mostrate fanno uso delle Mirror API create da Google per Glass, attraverso le quali le applicazioni disegnate in modo specifico per gli "occhiali" potranno creare le cosiddette Timeline Card, elementi che verranno mostrati sulle lenti con la caratteristica di permettere a chi indossa Glass d'interagire senza invasività da parte del dispositivo.

Via | Theverge.com

  • shares
  • Mail