Servizi di fotoritocco online a confronto

FotoFlexerCon l’avvento delle macchine fotografiche digitali erano diventati pressochè indispensabili i software di foto ritocco, più o meno complessi. Ma, mai come nel mondo della tecnologia, i tempi cambiano, ed in fretta, e nel giro di pochi anni ci si stà orientando verso il web, ed ecco che iniziano così a nascere servizi web che si propongono di rimpiazzarli, in maniera più o meno efficace.

In archivio ne abbiamo scovati 4, ed ho pensato di farne un’analisi comparativa con Fotoflexer che è il quinto e ultimo ad arrivare sul mercato.
Il primo servizio che vi proponiamo è Photomajig (articolo relativo), ancora in fase embrionale; le funzionalità infatti sono limitate: possibilità di ridimensionare le fotografie secondo dimensioni fisse, di ruotare l’immagine e di salvare il risultato in formato JPG o PNG. Nel momento in cui si sceglie l’immagine da modificare, essa viene caricata rapidamente (144 Kb in 4 secondi circa) e il processo di editing è una sorta di wizard, di procedura “passo passo”, utile per gli utenti inesperti.

Come secondo vi proponiamo è Pixoh (ne abbiamo parlato a parte qui), un po’ più lento nel caricamento dell’ immagine (7 secondi) ma con qualche funzione in più: regolazione contrasto, luminosità, ridimensionare la foto liberamente, saturazione colore e rotazione. Permette il salvataggio dell’immagine nei più diffusi formati: JPG, GIF, PDF, PSD, PNG, TIF.

E’ il turno di Picnik (articolo relativo), servizio che ci fa attendere già prima di poter scegliere quale fotografia modificare. Il motivo di questa attesa (all’incirca sui 20 secondi) è però presto spiegato: le possibilità di editing sono molteplici ed avanzate ed oltre ai classici “ruota”, “ridimensiona”, “luminosità – contrasto” e “saturazione” troviamo anche la “riduzione occhi rossi”, una serie di 20 effetti tutti da provare per rendere buffa e particolare la nostra foto e l’interoperabilità con Flickr. I formati in cui si può salvare l’immagine sono: JPG, PNG, GIF, BMP, PDF e TIF.

Troviamo poi FotoFlexer, il più recente dei 4 servizi ed a mio avviso quello che più è in grado di rimpiazzare i software di photo-editing di livello medio. Questa caratteristica fa sì che non risulti di immediata usabilità, è dedicato ad un’ utenza un po’ più esperta ed esigente. Oltre alle già ripetute funzioni base permette di andare a scrivere su un’ immagine, di potervi disegnare sopra con lo strumento “penna” e di potervi cancellare parti. Offre inoltre lo strumento contagocce, utilissimo per i fotomontaggi e 5 gradi di gestione colori. Inoltre il servizio da la possibilità all’ utente di creare i propri album fotografici, ove raggruppare le proprie fotografie, pronte per essere editate e salvate nei formati JPG e PNG.

Se invece non vi serve ridimensionare l’immagine, ma solo aggiungervi qualche elemento simpatico (cappelli, calze, ecc) c’è Pikipimp (articolo relativo). Vi basterà scegliere l’immagine da modificare per poi scegliere la categoria degli oggetti da importarvi; fatto ciò, basterà trascinare l’elemento nel punto della foto dove volete che questo appaia. E’ un servizio rapido e carino, soprattutto nel caso ci sia la necessità di creare biglietti di auguri e cartoline simpatiche.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: