Windows Blue, l'update non sarà solo per Windows 8

Abbiamo sentito parlare piuttosto spesso in queste settimane del super-pacchetto di update "Windows Blue" che Microsoft dovrebbe progettare per l’estate o l’autunno 2013. Non sarà un semplice Windows 8 Service Pack come quelli a cui eravamo abituati per i vecchi OS, bensì un vero e proprio passo avanti per tutta la piattaforma, quella che comprende anche Windows Server, Windows Phone 8, Windows RT e tutti i servizi cloud-based come SkyDrive.

Secondo una fonte vicina a Redmond, che ha lasciato alcune dichiarazioni interessanti a ZDNet, Blue non sarà un pacchetto unitario bensì un roll-out graduale di aggiornamenti radunati attorno allo stesso periodo dell’anno.

Saranno inoltre il frutto di un lavoro graduale, e saranno precedute da una lunga serie di update più piccoli. Devo dire che la vita con Windows 8 è più facile dal punto di vista degli aggiornamenti, perché aspetta che giunga il tempo di una sequenza di riavvio per scaricarli ed installarli - e comunque il boot è rapido.

Windows Blue cambia molto delle consuete metodologie di Microsoft, che finora ruotavano attorno al concetto del terribile Service Pack che capitava due o tre volte durante la vita di un OS, facendo da letterale spartiacque tra un sistema acerbo e instabile ed uno finalmente maturo.

Quanto Blue toccherà Windows non ci troveremo di fronte né a questo né ad un "Windows 9", bensì ad un generale tuning della piattaforma ed un passaggio a nuove feature man mano che vengono sviluppate. Non ci sarà più bisogno di un complicato balletto con gli OEM per fargli aggiornare i nuovi PC bensì un semplice pacchetto da scaricare tramite Windows Store - Un rapporto diretto tra clienti e team di sviluppo, se solo è possibile. Se la cosa vi ricorda un po’ Linux, allora non siete i soli.

Via | ZDNet

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: