Il blog Pontifex è di nuovo online

Il blog Pontifex è di nuovo online

Pontifex è di nuovo online. Chi nella giornata di ieri ha gioito nel vedere offline il blog sarà deluso di vedere che è tutto di nuovo online: ai microfoni di Repubblica, Bruno Volpe ha confermato la tesi dell'attacco informatico, annunciando il cambio di provider del servizio di hosting.

Il blog Pontifex è chiuso


Il blog Pontifex ha chiuso

Non c'è più traccia del blog Pontifex. Visitando l'indirizzo www.pontifex.roma.it si visualizza infatti il placeholder del dominio di quello che era il blog "cattolico" che nel corso delle scorse settimane aveva sollevato un vespaio di polemiche a giusta ragione legate alle posizioni ultra-estremiste dei suoi autori a proposito di donne, omosessualità e altri argomenti, che ci asteniamo volentieri dal riportare ancora una volta.

Il motivo della chiusura resta al momento ignoto: su Twitter, luogo dal quale erano partite le suddette polemiche, sono tante le voci che cantano vittoria, mentre il Corriere ci ricorda che qualche tempo fa il caso è arrivato fino in Parlamento, grazie all'interrogazione di Emanuele Fiano del PD.

Attacco informatico, polizia postale, censura da parte di chi gestisce il server (Aruba): sono solo alcune delle ipotesi paventate sulla chiusura di Pontifex, sulla quale però come dicevamo non c'è al momento assolutamente alcun elemento da parte dei diretti interessati. Il dominio non è nemmeno in scadenza, visto che facendo un banale Whois risulta ancora assegnato a Bruno Volpe (uno degli autori del blog) fino al 19 aprile 2013.

Giornalettismo ha riportato come causa la prima tra quelle sopraelencate, vale a dire un attacco DDoS che avrebbe abbattuto il sito: in questo caso, lo staff sarebbe al lavoro per riportarlo online. A chi dovesse dispiacere nel caso in cui dovesse fallire in modo permanente, è un altro conto.

  • shares
  • Mail