Google elimina l'avviso anticensura in Cina

Google elimina l'avviso anticensura in Cina

L'iniziativa di Google per affrontare la censura in Cina non è durata neanche un anno: il motore di ricerca ha infatti rimosso l'avviso aggiunto a maggio 2012, in risposta a chi lamentava una disconnessione dalla rete quando cercava su Google determinate parole.

La scritta che vedete nell'immagine qui sopra, dunque ora non appare più: senza annunci ufficiali, Google ha confermato ai microfoni del Wall Street Journal di avere tolto l'avviso, senza però aggiungere le motivazioni che l'hanno portata a cambiare idea nel giro di qualche mese.

L'avviso era arrivato come dicevamo in risposta alle lamentele di alcuni utenti cinesi, ai quali la connessione a Internet cadeva effettuando alcune ricerche: un modo per Google di discolparsi da quanto accadeva, lanciando chiaramente la patata bollente nelle mani del governo cinese. Le pressioni di quest'ultimo hanno probabilmente avuto successo nel far rimuovere la scritta all'azienda americana.

La Cina non è un territorio facile per nessuna azienda, soprattutto per Google: dai blocchi misteriosi agli attacchi altrettanto inquietanti, sullo sfondo di un eterno braccio di ferro legato alla censura operata dal governo locale.

Se in passato le operazioni di Google erano state di contrasto (anche acceso) nei confronti dei tentativi d'ingerenza delle autorità cinesi, in questo caso non si può sicuramente dire la stessa cosa.

  • shares
  • Mail