Hashtag parola dell'anno 2012 per la American Dialect Society

Hashtag parola dell'anno 2012 per la American Dialect Society

La American Dialect Society ha decretato: la parola dell'anno 2012 è hashtag, concetto inventato già ai tempi di IRC per raccogliere gruppi e argomenti, diventato poi di uso comune dopo che nel 2009 Twitter ha iniziato a usarlo per collegare in un unico link i tweet su uno stesso argomento contrassegnati con il simbolo # prima della parola che lo descrive.

Hashtag ha battuto l'immancabile "Gangnam Style", "YOLO" (acronimo di you only live once, tradotto in si vive una sola volta) e l'argomento caldo di economia "fiscal cliff". Non è la prima volta che una parola proveniente da Internet ottiene questo riconoscimento dall'American Dialect Society: nel 2010 era stata la parola "Tweet" a vincere, mentre "Google" è stata addirittura nominata nello stesso anno parola della stessa decade.

Ben Zimmer, boss del Comitato per le Nuove Parole della American Dialect Society, ha motivato così la scelta:

"Questo è stato l'anno in cui l'hashtag è diventato un fenomeno onnipresente nelle conversazioni online. Nella twittosfera e ovunque, gli hashtag hanno creato trend sociali istantanei, diffondendo messaggi in modo virale su argomenti che vanno dalla politica alla cultura pop."

La American Dialect Society, paragonabile alla nostra Accademia della Crusca, fu fondata nel 1889 per studiare il linguaggio inglese parlato in Nord America, ma non solo: al suo interno si trovano da professori a studenti, da professionisti a dilettanti, oltre a insegnanti di vario livello e scrittori.

Via | Mashable.com
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail