Canonical lancia Ubuntu Phone OS, primi smartphone disponibili fra un anno circa

Aggiornamento ore 19.15 ho cercato di collegarmi al sito di Canonical con scarso successo. A questo punto giudico che sia sovraccarico - in ogni caso l’annuncio è stato fatto: si tratta di Ubuntu phone OS, i cui primi telefoni verranno fatti uscire nel 2014, esattamente tra un anno.

L’OS è costruito attorno Android, ma niente virtual machine Java, parliamo di un sistema operativo che sfrutta il suo telefono “fino in fondo”. I produttori di telefoni Android potranno sfruttarlo sul loro “parco macchine” senza modifiche, o quasi. Per informazioni più dettagliate, abbiamo un post su Mobileblog.

Ore 16:11 “Così vicino che potete quasi toccarlo”, questa è la scritta circondata dai toni tipici dei colori dell’alba che è comparsa sulla home page di Ubuntu.

Canonical sembra darci un indizio piuttosto inequivocabile sulle sorti future di questa distro di Linux che tra tutte è la più popolare nell’ambiente consumer. Siamo a ridosso del CES 2013, ed è quasi certo che i tablet ed i crossover laptop dotati di schermo sensibile al tocco saranno decine e decine, provenienti da ogni marca e parte del mondo. Perché Ubuntu dovrebbe essere lasciato indietro?

Non sappiamo se Canonical intenda focalizzare l’attenzione direttamente sul touch per apparecchi mobile e creare una versione del suo sistema operativo simile a - perdonatemi la bestemmia - Windows RT, oppure se semplicemente intenda incorporare nella release principale i tool e le funzioni necessarie a sfruttare un’interfaccia touch. Forse si tratta di qualcosa di più “semplice”, come un kit per gli sviluppatori oppure ancora un port pensato per certe macchine molto popolari, come il Nexus 7.

In dicembre Mark Shuttleworth aveva parlato di come il piano sia di portare l’OS nel mondo mobile, e che oltre ai tablet anche gli smartphone siano presi in considerazione. Certo, questo porterebbe gli utenti a familiarizzare col mondo degli OS open source ma soprattutto creare un nuovo concorrente agli attuali sistemi operativi che vanno per la maggiore.

Staremo a vedere, anche perché la prossima versione di Ubuntu, la 14.04, è attesa appena per aprile. Non dovremmo subire l’incertezza a lungo, dato che il conto alla rovescia sembra indicare un’attesa di meno di tre ore. Aggiornerò questo articolo con le novità.

  • shares
  • Mail