Anonymous fa un bilancio del 2012 e prepara nuovi attacchi

Sarà un anno impegnativo per il collettivo di hacker conosciuto in tutto il Mondo come Anonymous, che ha deciso di rilasciare un video celebrativo che serve anche a fare un bilancio di tutti gli attacchi portati a termine nei dodici mesi che si sono appena conclusi e lanciare una sorta di ammonimento, un secco "Expect us 2013" che non fa altro che confermare come l'attività del collettivo sia ben lontana dal potersi considerare conclusa.

Con l'invito lanciato in rete ad unirsi al collettivo - partecipando al canale IRC #YAN o seguendo i vari profili di Twitter - il video diffuso in queste ore non fa che riepilogare alcune delle operazioni più importanti condotte da Anonymous nel 2012, dall'attacco dei siti del Dipartimento di Giustizia statunitense, dell'Ufficio Copyright e di Universal Music in seguito al raid che ha portato alla chiusura di Megaupload, passando per l'importante campagna contro il governo siriano - Operation Syria, tuttora in corso - senza dimenticare il tentato attacco alla risorse del Vaticano o il più recente attacco al governo cambogiano dopo l'estradizione del co-fondatore di The Pirate Bay.

Nonostante le recenti previsioni di McAfee, che vedono nel 2013 un declino dell'attività di Anonymous, il collettivo sembra più intenzionato che mai a farsi ricordare anche nell'anno che è appena cominciato e far tremare le istituzioni di mezzo Mondo. La minaccia è stata lanciata: "Governi, organizzazioni e corporazioni corrotte, aspettateci".

Via | AnonNews

  • shares
  • Mail