Instagram ha perso il 25% di utenti attivi, parola di AppData

A pochi giorni dal dietro front di Instagram - che prima ha annunciato dei cambiamenti nei termini d’utilizzo del servizio per poi tornare sui suoi passi dopo la furia degli utenti e la minaccia degli stessi di abbandonare il servizio - arrivano i primi bilanci di quella che è stata senza dubbio una mossa non ponderata fino in fondo, o almeno non spiegata alla perfezione.

Secondo AppData, la cui analisi è stata riportata dal New York Post, nel giro di pochi giorni Instagram avrebbe perso quasi il 25% dei suoi utenti attivi quotidianamente, che si traduce in circa 4 milioni di utenti attivi in meno. L'azienda in questione non ha fatto altro che monitorare gli accessi degli utenti di Instagram attraverso Facebook. Il calo, a giudicare dal grafico che vedete in cima al post, è piuttosto evidente ed è stato registrato il giorno di Natale, il 25 dicembre, proprio quando almeno in teoria gli utenti avrebbero dovuto gettarsi a capofitto nell'immortalare i propri ricordi e condividerli online a suon di filtri.

A pochi giorni dalla polemica sui ToS di Instagram, quindi, circa 4 milioni di utenti avrebbero smesso di accedere al servizio, continuando così anche nei giorni successivi. Per AppData non ci sono dubbi, il netto calo è stato provocato dal timore diffuso che Instagram avrebbe iniziato presto ad utilizzare le foto degli utenti per fini pubblicitari.

Instagram, dal canto suo, nega il rapporto diffuso, così come nega che ci sia stato un calo di visite: "I dati non sono accurati, continuano a vedere una forte e costante crescita sia sul fronte degli utenti registrati che di quelli attivi su Instagram".

Difficile stabilire, almeno per ora, dove stai la verità. Se è vero che durante le feste molti servizi online come Spotify o Pinterest hanno registrato un calo, è altrettanto vero che Instagram è un servizio esclusivamente riservato al mondo del mobile - almeno per quanto riguardo l'upload dei contenuti - e utilizzato in maniera massiccia proprio durante i grandi eventi, festività comprese.

L'app ufficiale di Flickr, invece, ha registrato un importante aumento di visite proprio nello stesso periodo, segno che la voglia di condivisione c'è stata, è soltanto cambiato il mezzo per farlo. Sarà il tempo, insomma, a dirci se Instagram si è data la zappa sui piedi o meno. Voi che ne pensate?

Via | New York Post

  • shares
  • Mail