L'upgrade a Windows 8 ora potrebbe richiedere la key di Windows 7

Come forse saprete, chi ha comprato un PC dal 2 giugno in poi può passare da Windows 7 a Windows 8 con un esborso piuttosto modesto, solo 15 euro.

La promozione è iniziata molto prima del lancio dell’ultimo sistema operativo di Redmond, all’incirca ad agosto. Per venire incontro agli utenti in difficoltà è recentemente cambiato il metodo per validare l’acquisto.

Fino a poco tempo fa era necessario inserire marca e data d’acquisto del PC che si voleva upgradare, ma come riportano molti utenti e la stampa specializzata la procedura aveva dei bug, più genericamente degli intoppi che la rendevano talvolta impossibile.

Capitava che non ci fosse proprio maniera di convincere Microsoft della validità della propria richiesta con alcuni PC - Generalmente il problema dipendeva dall’aver già fatto richiesta per una macchina da un dato indirizzo: Microsoft si era dimenticata che le persone al giorno d’oggi generalmente possiedono più di un solo computer in casa.

Per risolvere la corporation ha deciso di tagliare la testa al toro e di chiedere un semplice dato all’acquirente: la key della sua copia di Windows 7. La soluzione funziona senza fallo, anche per coloro che finora erano stati vittima del bug.

L’offerta è limitata agli utenti consumer, o almeno a chi ha 5 o meno PC da aggiornare. L’offerta cesserà definitivamente il 31 gennaio. Chi volesse passare a 8 da Vista oppure dal vecchio Windows XP ha a disposizione un’offerta similare, ma dovrà sborsare circa €40. Anche questi utenti hanno a disposizione solo fini al 31/01/2013.

Via | CNet

  • shares
  • Mail