Apple assume Kristin Paget, l'hacker britannica che ha "blindato" Windows Vista

Kristin Paget un tempo si faceva chiamare Chris Paget (prima di cambiare sesso), ed è un hacker di successo. Tra i suoi mille exploit, la Paget ha anche inventato una tecnica chiama Shatter Attack, una procedura che sfruttava delle falle di sistema di Windows che non sono state colmate prima di Vista.

E non è un caso: Redmond l’aveva ingaggiata per sistemare i problemi del tartassato sistema operativo assieme ad un team di hacker white hat come lei. Ora che pian piano l’attenzione dei cybercriminali si sposta su OS X ed iOS, Apple sembra aver fatto lo stesso genere di valutazione sul curriculum di questa particolare esperta - e l’ha assunta a sua volta.

La Paget non può parlare delle sue mansioni, essendo letteralmente ammutolita da un NDA grosso come una casa. Era successo lo stesso ai tempi di Vista, ma i cinque anni del contratto sono scaduti. L’OS di Microsoft era pieno di bug e, cosa peggiore, il team di sviluppo era perfettamente sicuro non ce ne fossero di rilevanti, tanto da costringere a ritardare l’uscita del sistema operativo.

Sia la Paget che il resto del team hanno tutt’ora una t-shirt celebrativa che recita “Ho ritardato Windows Vista”. Chissà se la indossano mai, nelle occasioni formali.

In realtà Kristin voleva cambiare lavoro - restare un coder ma “smetterla di rompere cose”, piuttosto creando hardware sicuro. A quanto pare la Apple le ha fatto una di quelle offerte che non si possono rifiutare.

A dire il vero non sappiamo se questa vulcanica White Hat si impegnerà a proteggere l’erede di Mountain Lion oppure a sviluppare le feature di sicurezza di iOS e dei dispositivi mobile. Fra più di 5 anni, quando scadrà il suo NDA, forse finalmente scopriremo quello che oggi come oggi preoccupa davvero Cupertino.

Via | Wired

  • shares
  • Mail