John McAfee arrestato in Guatemala

E' finita in Guatemala la latitanza di John McAfee, fondatore della nota azienda produttrice di antivirus. Il 67enne, da settimane ricercato in Belize per essere interrogato sull'omicidio del suo vicino di casa, Gregory Faull, era riuscito ad entrare in Guatemala e chiedere asilo politico ed evitare così l'interrogatorio da parte delle autorità beliziane, che a suo dire ce l'avrebbero con lui e vorrebbero incastrarlo, ma è stato arrestato per essere entrato illegalmente nel Paese.

Ora la situazione si complica. Su McAfee non pende alcun mandato di arresto internazionale - le autorità del Belize continuano a dire che vogliono soltanto sentire la sua versione dei fatti, non arrestarlo - e tra Guatemala e Belize non esiste un trattato di estradizione, ma il Ministro dell'Interno Mauricio Lopez Bonilla ha già fatto sapere che cercherà di farlo espellere dal Paese e consegnarlo così al Belize.

Pur avendo la coscienza pulita, McAfee sostiene che anche un semplice interrogatorio potrebbe risultargli fatale:

Verrei trattenuto senza accuse. Se riuscissi a sopravvivere ai primi 30 giorni [il tempo entro il quale il governo è obbligato a formulare un'accusa o a rilasciare un detenuto] [...] arriverebbe un giudice e direbbe "Sei colpevole. Punto". Non è quello che dovrebbe succedere nel Paese più bello del Mondo […] Sapete cosa fanno nelle prigioni dell'America Centrale pur di ottenere delle informazioni. Se ci mettono abbastanza violenza, chiunque alla fine dice o firma quello che vogliono.

In effetti, conoscendo l'intera storia, tutto sembra puntare contro il fondatore dell'antivirus: Faull, americano d'origine, è stato trovato morto nella sua abitazione, confinante con quella di McAfee. L'autopsia non ha lasciato spazio a dubbi: è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa. Nei giorni precedenti al delitto, Faull aveva litigato con McAfee perchè gli undici cani di quest'ultimo abbaiavano troppo. Due due giorni prima dell'omicidio, quattro dei cani di McAfee sono stati trovati morti, avvelenati.

Si attendono aggiornamenti. Nel frattempo l'avvocato che ha cercato di difendere McAfee, Telesforo Guerra, si è limitato a dichiarare: "se dicono che non è considerato un sospetto, perchè cercano di catturarlo?"

Via | CNET
Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: