Google sotto indagine, ha evaso il fisco in Italia?

Logo di Google

Avevamo già letto in passato di come Google approfittasse volentieri della situazione fiscale privilegiata di Google Ireland, tutto allo scopo di trasferire capitali oltreoceano più facilmente.

Era inevitabile che l'azienda, a lungo andare, attirasse l’attenzione delle autorità dei paesi in cui Mountain View svolge operazioni: l’Italia, lo scopriamo oggi, è uno dei paesi che non vede di buon occhio le pratiche poco chiare di Google. La Guardia di Finanza, riporta l’HuffPo assieme ad altri giornali, sta indagando sul motore di ricerca per un’evasione di proporzioni non trascurabili.

Secondo la verifica in corso, infatti, Google avrebbe evaso il fisco per 240 milioni (in questo caso redditi non dichiarati), mentre avrebbe tralasciato di versare l’IVA per altri 96 milioni di euro. Non si tratta di un’indagine molto tempestiva, comunque, perché tratta dell’ormai remoto quinquennio 2002-2006. La macchina della giustizia fiscale è stata messa in moto da una richiesta del deputato del PD Stefano Graziano. Il politico aveva specificato di focalizzare l’attenzione sui potentissimi gruppi stranieri, disposti a tutto pur sfruttare qualche cavillo e risparmiare in campo tributario internazionale.

Per spezzare una lancia a favore di Google, il nostro paese è dannatamente affamato di fondi ed una multinazionale potente come Google ha l’aria di una preda facile, almeno dal punto di vista politico: nessuno si metterebbe a piangere per i fantastiliardi del gigantesco motore di ricerca. Il suo ramo italiano - dice la GdF - ha dichiarato solo le provvigioni percepite per aver prestato servizio alle sorelle Google Inc. (l’azienda principale) e Google Ireland (che, per merito delle norme locali, è stata accusata fin dal 2010 di comportamenti fiscali criticabili).

Inutile dire che la faccenda merita un’analisi più approfondita. La cosa non fa piacere a Google, che si è tuttavia detta disposta a continuare a “collaborare con le autorità locali”.

Via | Huffington Post | Repubblica

  • shares
  • Mail