Google completamente bloccato in Cina

Google completamente bloccato in Cina

Con una mossa probabilmente senza precedenti, il governo cinese ha bloccato l'accesso a Google, includendo i servizi del motore di ricerca, Gmail, Google Maps, Google Docs, Google Analytics, Google Drive e quella che sembrerebbe essere l'intera piattaforma dell'azienda americana. Il provvedimento arriva in concomitanza con lo svolgimento del diciottesimo congresso del Partito Comunista Cinese. Interpellato da The Next Web, un portavoce di Google avrebbe confermato il blocco affermando di aver già controllato i sistemi e di non aver riscontrato nessun problema tecnico.

Non è naturalmente la prima volta che la Cina blocca Google o i suoi servizi, ma come dicevamo questa sembra la prima volta in cui tutta la piattaforma di Mountain View è stata messa ko dal governo cinese. Un'operazione di massima segretezza che la CNN associa al momento delicato in cui si trova la Cina, il cui regime totalitario si trova a dover fare il "passaggio di consegne" nei confronti della nuova generazione.

Secondo quanto riporta GreatFire, tutte le richieste inviate dalla Cina a www.google.com e ai suoi sottodomini mail.google.com, google-analytics.com, docs.google.com, drive.google.com, maps.google.com, play.google.com e altri, sarebbero inviati verso l'indirizzo IP 59.24.3.173, localizzato in Corea ma non associato ad alcun sito web. Neanche l'uso di un server DNS esterno alla Cina sembrerebbe funzionare, a causa dell'azione del Grande Firewall.

Non è ancora chiaro se il blocco sia temporaneo oppure no, vale a dire se il governo cinese ripristinerà la connessione verso Google quando il Congresso sarà terminato. Ne sapremo sicuramente di più nelle prossime ore.

  • shares
  • Mail