Yahoo! rifiuta di riconoscere il Do Not Track di Internet Explorer 10

Logo di Yahoo!Il rilascio di Windows 8 ed RT è corrisposto alla disponibilità di Internet Explorer 10, l’ultima versione del browser che è installata automaticamente col sistema operativo: di conseguenza, Yahoo! ha annunciato l’intenzione di non rispettare il Do Not Track impostato da IE10 a livello predefinito. La scelta di Microsoft è stata criticata da pubblicitari e sviluppatori, tanto che Apache HTTP Server aveva già deciso d’escludere il riconoscimento della segnalazione perché considerata contraria ai principi stessi del Do Not Track.

Utilizzando il web server mantenuto da Apache, Yahoo! non ha avuto bisogno d’effettuare delle modifiche per ignorare l’impostazione di IE10: le dichiarazioni – a seguito dell’uscita del browser – equivalgono, piuttosto, a una presa di posizione. La società è stata fra le prime a implementare il Do Not Track per le inserzioni pubblicitarie del proprio portale e perciò l’esclusione di Internet Explorer 10 non è una critica al sistema in sé, che Yahoo! supporta e condivide. È una difesa della libertà libertà di scelta degli utenti.

Abbiamo affrontato spesso il problema del Do Not Track e della sua sostanziale inefficacia. L’ostilità di Apache e Yahoo! riguardo alla scelta di Microsoft per Internet Explorer 10 potrebbe contagiare delle altre società, adesso che il browser è effettivamente sul mercato: se Windows 8 ha adottato le specifiche del Do Not Track in default è perché il sistema serve a poco o nulla — la multinazionale, infatti, è a sua volta una concessionaria di pubblicità. Anziché discutere sull’attivazione, sarebbe più opportuno renderlo utile.

Via | The Verge

  • shares
  • Mail