I domini .xxx sono soltanto l’inizio: ICANN introdurrà altri 1934 TLD

Logo di ICANNInternet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN), l’organizzazione no profit che gestisce l’assegnazione dei Top-Level Domain (TLD) per il web, ha annunciato la prossima disponibilità di 1934 nuovi gTLD. L’ultimo dominio generico a essere accettato è stato .xxx che dovrebbe indicare i siti orientati alla pornografia: è soltanto l’inizio perché in futuro questo genere di estensioni è destinato ad aumentare esponenzialmente. Al momento, i domini generici sono appena 22 rispetto ai 280 ccTLD che identificano le nazioni.

ICANN aveva già concesso alle multinazionali di riservare dei domini di primo livello a un prezzo esorbitante: non mancherà molto, ad esempio, per la disponibilità di .apple, .google e .microsoft. Altre società delle stesse dimensioni hanno adottato una strategia differente, come la FIAT che ha proposto e ottenuto l’ammissione di .abarth, .alfaromeo, .ferrari, .fiat e altri gTDL elencati fra i nuovi 1934. Rispetto ai primi, questi domini dovrebbero essere registrabili da terze parti — i concessionari e/o le officine autorizzate.

In Italia, sarà interessante valutare l’utilizzo di .pizza — che, a dispetto dell’origine del piatto, è stato richiesto da una società delle isole caraibiche britanniche. Alcuni dei nuovi gTLD potranno essere registrati dai privati, altri saranno riservati alle imprese e ai loro partner: tutti i navigatori saranno “invasi” da un consistente numero di nuovi domini che cambieranno radicalmente le abitudini odierne. La diffusione di .com, .net, .org, ecc. sarà limitata rispetto al passato e gli indirizzi registrabili aumenteranno.

Via | VentureBeat

  • shares
  • Mail