Il 2012 di Kickstarter è stato l’anno dei videogiochi con $50 milioni

Videogiochi, fumetti che parlano di giochi o console per giocare: questi sono i progetti più popolari su Kickstarter, la piattaforma di gestione delle raccolte fondi, nei primi tre trimestri del 2012. La categoria ha ottenuto un totale di $50 milioni, grazie a Reaper Miniatures Bones e Planetary Annihilation che sono il 10° e 11° progetto a superare $1 milione nell’ultimo anno. Nella classifica dei più finanziati sono in tutto 7. Un risultato particolarmente significativo che giustifica il prolifico volume d’affari del settore.

Se al 31 agosto i giochi hanno ricavato tanto, gli altri progetti legati alla tecnologia sono all’ultimo posto con $16 milioni: in seconda posizione i film ($42), quindi il design ($40) e la musica ($25). La categoria dei videogame è divenuta popolare su Kickstarter dal successo di Double Fine Adventure, che in febbraio ha raccolto $1 milione in appena ventiquattr’ore. Oggi il 23% del denaro ottenuto è destinato ai videogiochi, mentre lo scorso anno la percentuale era del 3,6%. È una crescita esponenziale — dai $50,000 del 2009.

Tanto i social network, quanto gli smartphone e i tablet ruotano soprattutto attorno all’intrattenimento. Non sorprende che una forma di raccolta fondi come quella proposta da Kickstarter abbia raggiunto le masse proprio coi videogiochi: è indicativo, piuttosto, che le altre campagne tecnologiche abbiano una scarsa attrattiva. Se il portale può davvero essere considerato un indice rilevante per analizzare il mercato del software, dobbiamo concludere che ai consumatori non interessino prodotti innovativi a eccezione dei giochi.

Via | Kickstarter

  • shares
  • Mail