Google ha aggiornato l’interfaccia di Chrome OS inserendo la App List

Screenshot di Chrome OS — App ListApp List è il nuovo menù per lanciare le applicazioni su Chrome OS, il sistema Linux-based di Google incentrato sul browser. Un secondo restyling che persegue l’intenzione di rendere l’ambiente più simile al desktop tradizionale: oltre ad App List, infatti, è stata introdotta la possibilità di scegliere uno sfondo personalizzato — quello ritratto nella fotografia è George, il cane di un dipendente. La finestra di dialogo per il lancio delle applicazioni non copre l’intero schermo e somiglia al compianto menù d’avvio di Windows.

L’ennesimo aggiornamento al desktop di Chrome OS inserisce la Omnibox, già presente sul browser omonimo, ovvero un modulo di ricerca capace di rintracciare siti web, documenti e applicazioni in locale o connesse al proprio account di Google. Il design degli elementi grafici è sempre più simile a quello di Android, una scelta che aiuta gli utenti ad abituarsi all’utilizzo del sistema operativo. L’ultima novità riguarda Google Drive: Chrome OS permette di salvare i file direttamente in cloud computing, anziché dopo il salvataggio.

App List, Omnibox e Drive sono appena gli aggiornamenti “visibili” di Chrome OS, perché Google ha inserito il supporto all’audio via USB o HDMI — oltre a una serie di bug risolti e nuove funzionalità di sicurezza sul sandboxing delle applicazioni. Partito col piede sbagliato, il sistema operativo ha continuato a innovare l’interfaccia grafica e le feature raccogliendo i commenti degli utenti: se Windows 8 dovesse davvero bissare l’insuccesso di Vista, insieme a Mac OS X la soluzione di Google potrebbe ottenere nuovi estimatori.

Via | Google

  • shares
  • Mail