Windows 8 Pro costerà $199 dopo il 31 gennaio 2013?

Windows 8 Start

Se da una parte sono iniziate le registrazioni al “piano di upgrade” per i nuovi PC da $14.99, dall’altra The Verge ha messo in giro una voce preoccupante, se vera: a partire dal 31 gennaio dell’anno prossimo una copia “stand alone” di Windows 8 Pro inizierà a costare ben $199.

Al momento il prezzo del sistema Microsoft è fissato a $69.99 (non c’è proprio modo di ottenere un prezzo arrotondato negli Stati Uniti), o per meglio dire quello sarà quanto gli utenti dovranno sborsare alla sua uscita il 28 ottobre se vorranno una copia “fisica” del sistema operativo con tanto di DVD. Chi dovrà invece fare un upgrade da un sistema più vecchio come 7, Vista o XP dovrà invece allungare allo store online di Microsoft $39.99.

Microsoft sembrava davvero decisa a cambiare politica una volta per tutte, avvicinandosi al costo di update risibile di OS X. Sebbene lo sviluppo di un nuovo sistema operativo sia una delle imprese più costose in assoluto per un produttore di software, i vantaggi del prezzo basso sono immensi: garantiscono una migliore uniformità e promettono un distacco più rapido dai sistemi cosiddetti legacy.

Un prezzo di $199 colpisce il portafoglio con una certa violenza, invece, scoraggiando gli utenti e persino favorendo la pirateria. D’altra parte il mercato di Windows è diffuso capillarmente tramite gli OEM, e gli unici computer che si trovano comunemente senza una copia dell’OS Microsoft precaricata sono i Mac. Viene quasi da pensare che la categoria più colpita da una simile “tariffa” siano proprio gli utenti Apple desiderosi di installare su una partizione Windows 8 Pro.

In prospettiva, comunque, $199 è il prezzo del “fu” Windows 7 Home Premium, mentre Windows 8 Pro è l’equivalente di Windows 7 Ultimate.

Via | The Verge

  • shares
  • Mail