Facebook: sorpresa, finalmente le foto cancellate vengono cancellate

Sono passati tre anni da quando Jacqui Cheng di Ars Technica ha cancellato una serie di foto da Facebook ed ha scoperto che sebbene esse sparissero dalla GUI del social network, i link diretti ad esse restavano validi a lungo. Così a lungo che, controllati i link nel 2012, la giornalista ha ritrovato delle foto ancora integre.

Il ritardo tra la cancellazione apparente e quella effettiva dei dati che inseriamo in Facebook è una pietra dello scandalo ben nota, al punto da indurre molti a sospettare che il social network non elimini mai nulla dei nostri dati, conservando tutto per i propri scopi. In ogni caso pare essere cambiato qualcosa nel modus operandi della corporation: le foto vengono fatte sparire definitivamente dopo massimo trenta giorni.

Anche meno, secondo la Cheng, che negli ultimi mesi ha tenuto d’occhio la faccenda. Ora se cancelliamo una foto generalmente non è più disponibile neppure al suo link diretto dopo “solo” due giorni. Per fare un paragone, Twitter e Flickr eliminano le immagini dai server che presentano i contenuti agli utenti in pochi secondi.

Facebook ha fatto sapere di non aver mai voluto una cosa del genere, e che esiste un sistema che elimina automaticamente le immagini dai server in cui sono archiviate, ma che evidentemente fino ad ora non ha mai funzionato a dovere.

Per completezza la Cheng ha esaminato il metodo usato da Instagram, che ora è di proprietà di Facebook. Non è un paragone molto gentile, visto che Instagram usa esclusivamente i server S3 di Amazon, mentre Facebook utilizza vari Content Delivery Network per una massa di dati molto maggiore, però il social network delle foto hipster è in grado di cancellare le immagini indesiderate immediatamente. Che il “padrone” prenda nota.

Via | Ars Technica

  • shares
  • Mail