Limiti al traffico del P2P: in Italia la situazione non è pessima

Il test per rilveare i limiti del traffico

In giro per il mondo ci sono centinaia di ISP che praticano la “modellazione” del traffico in risposta all’uso diffuso delle tecnologie P2P, dell’online gaming e di altre forme di sfruttamento della banda giudicate “eccessive” dai fornitori di servizio.

Se tutti quanti pretendessero di scaricare torrent allo stesso momento, infatti, si causerebbe un vero e proprio ingorgo e tutti ne soffrirebbero - ma allo stesso tempo isolare degli utenti e limitare il loro traffico risulta discriminatorio, anche perché generalmente queste “valvole” vengono chiuse senza avvisare. La trasparenza è quasi nulla, ma fortunatamente nel nostro paese la situazione non sembra particolarmente drammatica.

Uno studio del Measurement Lab, un ente che agisce anche grazie allo spalleggiamento da parte di Google, ha evidenziato chi fra gli ISP seleziona categorie di utenti - o addirittura singole persone - per ridurre il loro traffico. Stando alle loro statistiche i peggiori sono i provider inglesi e canadesi, che sembrano impicciarsi della performance di scaricamento di oltre tre quarti del traffico P2P.

In America, invece, questa attività era in passato praticamente “obbligatoria” nei confronti degli utenti BitTorrent. Il modus operandi è cambiato dopo un decreto della loro FCC, che ha dissuaso il potentissimo provider Comcast dal fare discriminazioni. Da allora anche i colleghi di Comcast hanno rinunciato a eccessive manipolazioni, tanto per evitare costosissime cause legali contro una popolazione notoriamente molto litigiosa.

Insieme alla maggior parte degli altri paesi europei, l’Italia è per una volta fanalino di coda in questa classifica mondiale negativa. Nessuno dei grossi provider pratica più limitazioni importanti del traffico. Dei paesi sul nostro continente il peggiore sembra essere la Germania: almeno un terzo delle connessioni P2P sono strozzate.

Se continuate ad avere dei dubbi, resta da consigliarvi il tool Glasnost dei Measurement Labs, capace di rilevare la "modellazione" del traffico da parte del vostro provider. Se avete OS X, dovrete consentire all'app Java di funzionare.

Via | TorrentFreak

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: