Una statistica predice i record battuti alle olimpiadi di Londra 2012

Logo di Summer Olympics — London 2012Dei ricercatori della University of North Carolina at Ashville ha condotto uno studio statistico per determinare quali record olimpici potrebbero essere battuti nelle prossime due settimane delle olimpiadi di Londra 2012. Purtroppo, non sono state rivelate le discipline coinvolte: l’esito pubblicato riguarda soltanto il numero di record potenzialmente a rischio. Annunciato domenica, lo studio potrebbe avere analizzato delle competizioni già svoltesi. Com’è prevedibile, la statistica s’è basata sui risultati raggiunti in passato.

Su 51 eventi analizzati, da 20 a 31 di essi potrebbero registrare un nuovo record olimpico. L’indagine ha raccolto i dati a partire dall’edizione del 1896 – la prima olimpiade estiva dell’era moderna, tenutasi ad Atene – dalla quale sono stati superati 693 record. Per spiegare perché alcuni resistano più a lungo di altri, i ricercatori hanno valutato le cd. covariate che influiscono sui risultati. L’età degli atleti, ad esempio, non ha alcuna attinenza e neppure la nazione ospitante, che ha il numero più elevato di partecipanti.

Non farebbe alcuna differenza neanche il sesso degli atleti, come le condizioni di vita delle nazioni d'appartenenza o il supporto dei rispettivi sostenitori. Gli indicatori della probabilità che un record sia sconfitto sono altri: la partecipazione di un atleta che detiene il record olimpico corrente, la corrispondenza col record del mondo e la variazione del numero dei Paesi che partecipano alla competizione sono i fattori determinanti. Su 300 eventi olimpici, non sappiamo quali siano i 63 analizzati. È la paura di sbagliare?

Via | Technology Review

  • shares
  • Mail