Amazon EC2, Elastic Compute Cloud

Amazon Elastic Compute Cloud - EC2Dopo l'offerta di Amazon S3 che permette di avere storage variabile e pagare solo per il reale utilizzo, viene ora lanciato il suo degno compagno (per ora in fase di beta test privata).

EC2, acronimo di Elastic Compute Cloud, permette di creare immagini virtuali di server di discreta potenza (1.7Ghz Xeon CPU, 1.75GB diRAM, 160GB di disco locale, e 250Mb/s di traffico di rete) per creare un server per applicazioni web, per videogiochi online, database, siti web.

Si paga solo per il reale consumo con costi veramente interessanti: per ogni ora di esercizio del server virtuale si paga 10 centesimi di dollaro, 20 centesimi per ogni gigabyte trasferito fuori da Amazon, ad esempio verso internet, e quindici centesimi per gigabyte di storage utilizzato al mese.
Non si paga nulla per i dati che passano da S3 a EC2 e viceversa, molto conveniente se quello che dobbiamo fare è utilizzarlo per fare calcoli come il rendering 3d.

Se fosse in funzione 24 ore al giorno per trenta giorni il costo sarebbe di 72 dollari, senza contare il costo per lo storage. Le macchine di EC2 possono comunque essere programmate per essere fermate e riavviate.

Le AMI (Amazon Machine Image) possono essere create dall'utente o scelte da uno dei template disponibili, configurate e infine è possibile lanciare più istanze della stessa macchina.
Per ora nella fase di beta si può usare solo Linux per le AMI.

La scalabilità ora è possibile anche a costi elastici e quindi partire con un nuovo progetto non è poi così proibitivo: pensate solo che SmugSmug, un servizio di storage fotografico (150.000 utenti paganti e 72.000.000 di foto) si affida per tutto lo storage ad Amazon S3.
Aspettiamoci una bella ondata di nuove startup.

  • shares
  • Mail