Microsoft senza Bill Gates dal 2008

Nella foto da sinistra Bill Gates, Craig Mundie, Ray Ozzie, Steve BallmerDopo le anticipazioni di Wired da Microsoft è uscito un comunicato stampa che delinea la transizione che vedrà Bill gates defilarsi dal lavoro giorno per giorno alla Microsoft e dedicarsi alle sue attività filantropiche della "Bill & Melinda Gates Foundation" e che avrà termine nel 2008.

Ray Ozzie, l'attuale "Chief Technical Officer" assumerà il titolo di "chief software architect" e inizierà da subito a lavorare a fianco di Gates per assicurare una transizione morbida: si occuperà di tutta l'architettura tecnica e si farà carico delle supervisione su tutti i prodotti.

Similarmente, Craig Mundie si occuperà di ricerca e strategia dell'azienda e anche lui lavorerà a fianco di Gates per assumere le responsabilità in questo settore aziendale; Mundie lavorerà poi insieme a Brad Smith sulle proprietà intellettuali di Microsoft e sulle tecnologie associate.

Steve Ballmer nel settembre 2005 aveva cambiato la struttura dell'azienda riunendola in tre grandi divisioni con presidenti Jim Allchin, Kevin Johnson, Robbie Bach e Jeff Raikes, ristrutturazione che è stata da alcuni considerata come una delle cause dei ritardi accumulati dal nuovo sistema operativo.

I commenti in generale sembrano essere tutti decisamente positivi, in quanto auspicano per la Microsoft una rinascita, una "Next Generation Microsoft", che già sembra essere visibile dalla risposta dei mercati: dovrà lavorare sia a livello di immagine che di comunicazione, visto che perderà il carisma di Bill Gates, ma forse per questo sarà maggiore la sfida a cui andrà incontro.

Personalmente penso che Gates vada in pensione lasciando la Microsoft a dei coetanei, quando invece in questo momento molte delle idee migliori sulla rete vengono dai giovani e dalle loro startup: un pò come nella storia di Bill Gates.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: