Google Notebook

Google NotebookI Google Labs continuano a sfornare nuove applicazioni: il risultato finale è quello di un progetto complessivo non organico, almeno nelle loro prime incarnazioni.


Google Notebook
era stato presentato nel corso della conferenza stampa di Google di una decina di giorni fa: si tratta di un servizio che permette di annotare contenuti testuali, immagini, link della pagina di origine degli appunti.

Google Notebook si integra nel vostro browser: sia su Firefox che su Explorer potete installare l'estensione che inserirà un bottone nella barra inferiore del browser.

Google notebook estensione Firefox Explorer extensionCliccandolo apparirà una piccola finestra da cui consultare i vostri appunti o inserirne di nuovi.
Inserirà anche una voce nel menù richiamato dal tasto destro: potete annotare il link di qualsiasi pagina con un semplice gesto o evidenziare un testo per aggiungere automaticamente delle note al link.

Non c'è un classico sistema di tagging a là Delicious, ma una struttura gerarchica che si compone di una serie di notebook, che possono essere privati o pubblici, e varie categorie all'interno degli stessi.
Dalla pagina di Google Notebook è possibile organizzare le nostre note tramite un comodo drag&drop delle stesse nelle categorie che abbiamo creato.

Se avete fatto caso ai risultati delle ricerche su Google avrete notato che i risultati delle ricerche ora riportano un piccolo link "note this".

Nonostante questo mi sento di condividere le tante critiche che sono state fatte sul servizio: la mancanza di un vero sistema di tagging, con la possibilità di assegnare più tag allo stesso link è una grave mancanza (oltretutto di non difficile realizzazione).
Non ha quell'impronta "social" che ha Delicious, non è raffinato nell'interfaccia di cattura come Clipmarks, eppure forse solo per il fatto che è Google diventerà sicuramente popolare.
Forse solo per il fatto che è semplice, ma non è questo che cercano la maggioranza degli utenti?

L'integrazione con altri servizi di Google sembra essere assente (ad esempio Google Bookmarks, come dice anche Arrington, che senso ha ora?), anche se Googling Google ha scoperto molte funzionalità nascoste nel javascript di Notebook: dall'integrazione dei Google Gadgets, alla possibilità di cambiare l'aspetto delle nostre note con Google Page Creator, all'integrazione con Gmail.

E' vero che stiamo parlando di servizi appena usciti dai Google Labs: bisogna però ammettere che molte piccole startup, con molti meno mezzi di Google, hanno fatto uscire prodotti di standard altissimo rispetto a questi prototipi.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: