Google Drive si integrerà profondamente con Chrome OS


In un’intervista a Wired, Scott Johnson di Google ha comunicato l’intenzione di rendere Google Drive una parte integrante di Chrome OS, un piano molto sensato per un sistema operativo basato sul cloud computing. E' l’ambiente naturale perfetto per questo tipo di servizio.

Uno storage online per funzionare ed essere utile non deve sembrare “aggiunto” a casaccio, deve essere comodamente raggiungibile dall’utente. Nel caso di Chrome OS l’integrazione sarà ancora più profonda: “Drive [sarà parte integrante] nel file system di Chrome OS […]. Se l’utente sarà d’accordo, tutte le funzioni base del sistema operativo useranno Drive come la locazione in cui conservare i dati.”

La piattaforma Chrome OS ha un bisogno estremo di nuova vita. Presentato con i Chromebook, neppure lontanamente maturo, finora il sistema operativo ha lottato duro per far riconoscere il proprio merito agli utenti ed alla stampa specializzata. Il recente update dell’ambiente grafico Aura e il futuro sbarco su processori ARM sono due evoluzioni interessanti, ma l’effettiva capacità di gestire e spostare i file in modo concreto grazie a Google Drive potrebbe essere il tassello mancante per un’effettiva “usabilità”. Finora era possibile mettere dei file sulla macchina, ma il file viewer era decisamente rudimentale, di difficile accesso.

Grazie a Google Drive, Chrome OS non sarà un goffo browser troppo cresciuto ma un vero sistema operativo che opera sul web nella stessa maniera di un file system locale: salvi qualcosa con un normale menù ed il contenuto compare su Drive come se fosse un HD. L’interfaccia, lo sappiamo bene, assomiglia a quella di Google Docs, ma è molto più flessibile e potente - soprattutto è nata per essere integrata tra tutte le applicazioni su web, anche quelle non create da Google.

Purtroppo non si tratterà di un update disponibile da subito. Attualmente siamo alla versione 18, mentre nella 19 Drive sarà in beta. L’integrazione definitiva si verificherà dalla 20.

Via | Wired

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: