Il crowdsourcing è utilizzato per informare gli utenti sulla privacy

Amazon Mechanical TurkÈ risaputo che la maggioranza degli utenti non presta attenzione ai termini d’utilizzo delle applicazioni che scarica o dei servizi ai quali s’iscrive. La situazione s’è aggravata col successo degli smartphone. Eppure, tutti si preoccupano di tutelare la propria privacy: un progetto tenta di risolvere il problema col crowdsourcing.

Stimolati dalle nuove linee guida della Federal Trade Commission (FTC), i ricercatori di Carnegie Mellon e Rutgers University hanno pensato di coinvolgere gli utenti più accorti nella semplificazione degli avvisi circa la privacy delle applicazioni. Il progetto è basato su Mechanical Turk di Amazon, una piattaforma di remunerazione.

In sintesi, alcuni utenti che dimostrano d’avere la capacità d’interpretare correttamente i termini d’utilizzo delle applicazioni sono pagati per riassumerne il funzionamento. Il progetto riguarda, al momento, soltanto Android: sarà sufficiente a sensibilizzare i consumatori? Nel dubbio, per qualcuno sarà l’occasione d’arrotondare.

Via | Technology Review

  • shares
  • Mail