Apple conferma l'acquisizione di Shazam

shazam.jpg

11 dicembre 2017 - Le indiscrezioni si sono rivelate fondate. Apple ha appena annunciato l'acquisizione di Shazam:

Siamo lieti di annunciare che Shazam e il suo talentoso team entreranno a far parte di Apple. Apple Music e Shazam sono perfetti insieme, condividono la passione per la scoperta della musica e l'esecuzione di un'ottima esperienza musicale per i nostri utenti. Abbiamo in programma degli eccitanti programmi e non vediamo l'ora di combinarli con Shazam non appena riceveremo l'approvazione per l'accordo odierno.

Allo stesso modo in casa Shazam hanno diffuso un comunicato simile. Nessuna delle due aziende coinvolte ha precisato cosa ci sarà nel futuro di Shazam, ma siamo certi che l'applicazione continuerà ad esistere per i prossimi mesi, accessibile ed utilizzabile anche dagli utenti delle piattaforme non Apple.

10 dicembre 2017 - Apple sarebbe molto vicina all'acquisizione di Shazam, l'azienda sviluppatrice dell'omonima app per identificare in pochi istanti i brani musicali che si stanno ascoltando in quel momento.

Dal 2014 Apple aveva avviato una collaborazione con l'azienda integrando in Siri, l'assistente vocale di iOS, la funzionalità di riconoscimento dei brani. Appare quindi naturale, vista la profonda integrazione scelta da Apple, che l'azienda tentasse in qualche modo di appropriarsi di quella tecnologia. E oggi, secondo i bene informati, l'azienda di Cupertino sarebbe ad un passo dal finalizzare l'acquisizione.

Secondo quanto riferisce TechCrunch, l'annuncio potrebbe arrivare già domani. Shazam, secondo le ultime stime, sarebbe stato valutato intorno al miliardo di dollari, ma Apple sarebbe riuscito a portarselo a casa per appena 400 milioni di dollari. Al di là della semplice proprietà, Apple avrebbe anche il vantaggio di interrompere il pagamento delle commissioni quando gli utenti di Shazam passando su iTunes per acquistare il brano oggetto dell'identificazione, senza contare il guadagno in arrivo da tutti quei servizi che, ad oggi, hanno collaborazioni con Shazam, da Google Play Music a Spotify.

L'annuncio dovrebbe arrivare tra una manciata di ore, quindi non ci resta che attendere e vedere cosa riserverà il futuro a Shazam, lanciato nel 2002 e diventato in poco tempo un servizio indispensabile per tutti i possessori di uno smartphone.

Tim Cook

  • shares
  • Mail